Premio alla carriera per la Comunicazione a Fabio Fazio

(ITALPRESS) Fabio Fazio e’ il vincitore del “Premio alla Carriera” per la Comunicazione, assegnato ogni anno da Assorel, l’Associazione delle Agenzie di Relazioni Pubbliche, aderente a Confindustria Intellect.

Assegnato per la prima volta ad un conduttore Tv, tra i premiati degli scorsi anni ci sono stati Joaqui’n Navarro-Valls, Gianni Letta, Emma Bonino, Umberto Veronesi, Luca Cordero di Montezemolo, Ferruccio de Bortoli e Piero Angela.

Nella motivazione, Assorel si sofferma sull’importanza “di un approccio comunicazionale che si distingue, con Fazio, per garbo, e che avvicina e coinvolge l’ascoltatore sia quando si tratta di affrontare temi complessi, sia quando sa parlare al grande pubblico valorizzando il ragionamento e la relazione”. Sono queste le motivazioni di fondo per la scelta fatta dai comunicatori di Relazioni Pubbliche, che hanno sottolineato in particolare la capacita’ di fare una comunicazione “non urlata e per forza conflittuale come e’ oggi pratica molto diffusa”.

Fabio Fazio

Fabio Fazio, premio alla carriera Assorel (foto Olycom)

Il presidente di Assorel, Beppe Facchetti, non ha voluto eludere le polemiche degli ultimi giorni, che anzi, ha dichiarato, “ci hanno rafforzato nella convinzione di aver scelto la persona giusta. Il crollo della raccolta di pubblicita’ mette a rischio l’editoria e suo tramite la liberta’ di stampa. Ben vengano dunque – ha concluso Facchetti – professionisti che sanno attrarre e convogliare risorse su trasmissioni intelligenti e tanto piu’ libere quanto piu’ autofinanziate. Tutto il resto e’ populismo e pauperismo di bassa lega”.

Il premio verra’ consegnato a Milano il 18 novembre, in una serata di gala ad inviti cui parteciperanno alcune centinaia di operatori della comunicazione. (Italpress, 21 ottobre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Disney verso il rilancio per Fox dopo offerta Comcast

Il Post lancerà la formula dei contenuti pay. I lettori la vogliono senza pubblicità

GroupM costituisce uno steering committee con i ceo Beduschi, Vergani, Binaghi e Mottura