Comunicazione, Editoria, TLC

22 ottobre 2013 | 17:31

“L’Europa deve adottare un progetto di riforma per tutelare la privacy”, lo dice il Garante della privacy

(TMNews) Per il Garante della Privacy Antonello Soro è opportuno “sostenere con forza, in seno al Consiglio, la necessità che l’Europa adotti il progetto di riforma” sul trattamento dei dati personali e la libera circolazione di tali dati, “superando le riserve sul testo sollevate da alcuni Paesi membri, arrivando anzi a rafforzarne il disegno complessivo. Ciò al fine di assicurare una più ampia tutela dei cittadini di fronte alle insidie ed ai pericoli che oggi sembrano provenire da un Paese alleato e di indiscussa tradizione democratica, ma che domani potrebbero venire da Stati che offrono sotto tali profili minori garanzie”.

In una lettera indirizzata al premier Enrico Letta, Soro ricorda che “la proposta di Regolamento – non casualmente oggetto dell’attenzione di numerosi gruppi di pressione anche extraeuropei e che ha visto la presentazione di oltre quattromila emendamenti – consentirà all’Europa di dotarsi di un quadro armonizzato di principi comuni e condivisi in termini di protezione dei dati personali, per tutelare i diritti dei cittadini e facilitare le attività economiche nell’era digitale”.

“Si tratta di questioni centrali per dare impulso ad una costruzione europea, fondata sui diritti e sulle libertà, oltre che sui vincoli economico finanziari. Tanto più alla luce delle recenti rivelazioni sullo spionaggio informatico condotto dalla National Security Agency per motivi di interesse o sicurezza nazionale. È un fenomeno purtroppo noto e discusso da tempo, ma le cui dimensioni hanno ancora contorni indefiniti. Non soltanto gli apparati di sicurezza, ma anche quelli di investigazione e giudiziari tendono sempre di più ad avvalersi di tutte le opportunità informative offerte dalle tecnologie per perseguire un controllo generalizzato, pervasivo e spesso preventivo, non sempre giustificate da effettive finalità di sicurezza o prevenzione”, conclude il Garante della Privacy.

22 ottobre 2013