Mercato

24 ottobre 2013 | 11:02

Autostrade per l’Italia insieme a Unicef per sostenere l’istruzione in India

Autostrade per l’Italia sostiene l’Unicef finanziando con 100mila euro un programma di scolarizzazione in India per garantire anche ai ragazzi e alle ragazze più poveri  il diritto ad un’adeguata istruzione. In questo paese, oltre 8 milioni di bambini tra i 6 e i 14 anni sono esclusi dal sistema scolastico.

Come spiega un comunicato stampa, il progetto Kgvb (Kasturba Gandhi Ballika Vidalaya), al quale ha aderito Autostrade per l’Italia, è destinato agli adolescenti tra gli 11 e i 14 anni, che in questo modo possono ricevere: istruzione, sana alimentazione, vestiti, cura e assistenza in un ambiente sicuro. Come il caso di Sunita Saini, studentessa della KGBV Malpura nel distretto di Tonk, nello stato federato del Rajasthan in India. Sunita proviene da un ambiente economicamente svantaggiato. Nella sua famiglia di 5 figli, il padre è disabile e l’unica fonte di reddito arriva dallo stipendio della madre che è operaia. Grazie a questo progetto, tante bambine come Sunita potranno contare su un futuro migliore. In India, le KGBV si stanno affermando come reali strumenti di cambiamento e rappresentano la scintilla perché la vita di giovani ragazze come Sunita si accenda attraverso l’istruzione. Da anni, Autostrade per l’Italia assicura il sostegno ad associazioni umanitarie e  a  numerose iniziative di carattere culturale, confermando la propria sensibilità nei confronti delle politiche sociali e per la diffusione della cultura.