Comunicazione, New media

24 ottobre 2013 | 17:35

La Regione Veneto stanzia due milioni di euro per servizi digitali alle piccole e medie imprese

(TMNews) La Regione del Veneto, dopo aver contribuito con un bando del 2011 alla progettazione e sviluppo di servizi applicativi erogati in modalità cloud computing, mette ora a disposizione due milioni di euro di contributi per favorire l’adozione da parte delle pmi (microimprese, piccole e medie imprese) venete di servizi digitali, sempre secondo il nuovo modello del cloud computing.

E’ stato infatti approvato dalla giunta veneta, su proposta del vicepresidente e assessore all’informatizzazione Marino Zorzato, un bando per la concessione delle agevolazioni pubbliche, a valere sull’Asse 4 (Linea di intervento 4.1: Interventi di sviluppo e offerta di servizi e applicazioni per le PMI e gli Enti locali, Azione 4.1.3 denominata “Interventi di aiuto alle pmi per l’accesso ai servizi telematici”) del Programma Operativo Regionale (Por) parte Fesr, Programmazione 2007-2013, relativamente all’obiettivo “Competitività regionale e occupazione”.

“Con questa ulteriore misura – spiega Zorzato – intendiamo favorire la migrazione al nuovo paradigma digitale che si sta affermando a livello mondiale e contribuire a sostenere le imprese venete nella competizione sui mercati globali grazie alle nuove tecnologie. Nella sostanza, questo intervento rappresenta una prosecuzione, dal lato della domanda, di quanto è già stato avviato nel 2011, dal lato dell’offerta, con il bando che ha portato al finanziamento di 22 progetti di sviluppo di servizi basati sul modello del cloud computing. Ora occorre incentivare le pmi venete a usare questi servizi innovativi, che le possono aiutare nel loro percorso di crescita. Contestualmente, attraverso questa specifica azione prende avvio anche il programma di interventi in attuazione degli obiettivi dell’Agenda digitale del Veneto, che abbiamo approvato lo scorso agosto”.

24 ottobre 2013