Meno dipendenza dalla pubblicità. Ecco come il Financial Times online ha raggiunto la sostenibilità economica

Il Financial Times è un canarino mandato nel terreno inesplorato del giornalismo online a pagamento. Come i piccoli uccelli utilizzati nelle miniere per verificare se l’aria è respirabile o se è il caso di fuggire, gli incassi del Ft del terzo quadrimestre 2013 segnalano che l’editoria digitale può sopravvivere.

La metafora è di Jasper Jackson che, sul Media Briefing, commenta i dati del quotidiano della City. Se il Ft non cresce in modo significativo dal 2010 (e non è un segnale positivo), c’è da rilevare che gli incassi sono stabili e gli abbonamenti digitali ormai hanno superato il 50% dei ricavi totali (+31% dal 2008).

Gli incassi del ‘Financial Times’

Cinque anni fa l’editore Pearson aveva descritto l’edizione online, da sempre dotata di un paywall e visibile per i soli abbonati, come “il motore della crescita”, e ciò non si è verificato, è invece in corso un ribilanciamento delle fonti di ricavi a vantaggio del digitale, che conferma la sua sostenibilità. I ricavi della carta infatti sono in continua discesa e il Ft vuol puntare sempre più sull’online, con “un giornale che deriverà dal web e non viceversa“, come ha sostenuto il direttore Lionel Barber.

Il quotidiano economico londinese non dipende dalle inserzioni pubblicitarie come le altre testate e ciò gli consente di non essere soggetto a un mercato volatile come quello dell’advertising. Dal 2008 i ricavi provenienti dai soli contenuti sono passati dal 48 al 61% e ciò conferma la strategia è di rendersi sempre più indipendente dalla pubblicità.

Può essere utile confrontare i dati del Financial Times con quelli del New York Times. Nel terzo quadrimestre 2013, i conti del giornale statunitense sono in rosso, ma non a causa dei lettori, che sono cresciuti (anche se lentamente) grazie alle edizioni digitali. Sono gli incassi pubblicitari a scendere, con l’advertising online che perde terreno più in fretta di quello cartaceo (-3,4% contro -1,6%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Sky e Wavemaker in coro dal Wired Next Fest: data scientist e content manager cercansi

Il dibattito sulla crisi delle news ha bisogno di fare i conti con la realtà dei fatti

Fnsi-Uspi, primo contratto per i periodici locali. C’è anche il redattore web