Al via in Italia la campagna europea contro l’odio sul web

(ANSA) La campagna del Consiglio d’Europa contro l’istigazione all’odio attraverso Internet, ‘No Hate Speech’, sarà al via in Italia alla fine di questo mese con un concorso nazionale destinato alle scuole superiori per la realizzazione di un video. Il miglior filmato sarà poi usato per la campagna italiana, che durerà almeno tutto il 2014. Ma il concorso è solo una delle tante iniziative che il comitato nazionale italiano, coordinato dal dipartimento della gioventù, ha intenzione di mettere in atto e che sono contenute in un piano d’azione consegnato questa settimana al Consiglio d’Europa in occasione della conferenza che ha riunito a Strasburgo i comitati nazionali dei 35 paesi che hanno deciso di aderire alla campagna ‘No Hate Speech’. Presto lo stesso dipartimento della gioventù metterà in linea un sito web dedicato alla campagna, mentre il dipartimento per l’informazione e l’editoria entro la fine del 2013 lancerà una serie di spot su radio, televisioni, ma anche su Facebook, Twitter, e Youtube. I social network saranno inoltre al centro delle diverse azioni condotte sia dall’Agenzia nazionale giovani che dal Forum nazionale giovani. Il comitato italiano sta inoltre studiando possibili sinergie sia con l’associazione nazionale dei comuni italiani (Anci) sia con le regioni per organizzare eventi che permettano di dare visibilità alla campagna. “È importante che il messaggio sia diffuso anche nel mondo reale attraverso iniziative come quella adottata ad esempio in Serbia, dove è stato chiesto a tutti i calciatori di indossare prima delle partite una maglietta con il logo della campagna”, ha dichiarato all’Ansa una fonte vicina al Consiglio d’Europa. (ANSA, 11 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Casalino minaccia epurazioni in messaggio audio ai giornalisti (che lo pubblicano). Fico: assurdo svelare le fonti

È la stampa bellezza! Un un gruppo di ex giornalisti del Messaggero critici con Caltagirone raccontano il ‘loro’ quotidiano

Rai, ok del Cda a Foa presidente. La nomina ora passa dalla Vigilanza