Vodafone raddoppia gli investimenti in Italia: 3,6 miliardi nei prossimi 2 anni

(ANSA) Vodafone raddoppia gli investimenti in Italia con 3,6 miliardi di euro nei prossimi 2 anni per lo sviluppo delle reti e servizi a banda ultra larga mobile e fissa. Lo annuncia il gruppo in una nota. Il piano Spring presentato oggi, con 1,8 miliardi destinati all’Italia, si aggiunge ai 900 milioni di euro investiti da Vodafone ogni anno nel Paese in tecnologie, reti, infrastrutture e piattaforme evolute. Il gruppo, sottolinea la nota, imprime con questo piano un’ulteriore accelerazione alla strategia di investimento e di differenziazione sulla banda ultralarga mobile ”con l’obiettivo di estendere ulteriormente la copertura e la capacità delle reti 3G e 4G, introducendo nuove generazioni di apparati evoluti e offrendo servizi e prestazioni all’avanguardia”. Vodafone offre già servizi 4G in 46 principali città e località turistiche e la banda larga mobile a 43,2 Mbps in circa 600 comuni italiani. Con Spring accelera anche lo sviluppo della rete in fibra e lancia un piano di copertura delle 150 principali città con la rete in FTTC, con l’obiettivo di raggiungere entro il 2016 un quarto della popolazione italiana, ovvero 6,4 milioni di famiglie e imprese. ”Questo progetto – rimarca la società – conferma la fiducia e il contributo di Vodafone alla crescita del Paese. Una strategia di sviluppo e investimento rinnovata anche a fronte del perdurare della difficile congiuntura macroeconomica e di un contesto competitivo che determina la riduzione dei ricavi per il settore delle telecomunicazioni”. (ANSA, 12 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci