“Telecom si metta in testa che lo scorporo va fatto”, dice il viceministro Catricalà

(ANSA) ”Lo scorporo della rete è ancora un’idea necessaria per il paese, Telecom deve metterselo in testa”. Così il viceministro allo Sviluppo, Antonio Catricalà, a margine del Digital government summit. ”L’equivalence of input non basta – afferma – doveva farla lo scorso anno tant’è vero che ha preso una multa dall’Antitrust”. ”Lo scorporo è assolutamente necessario, non parlo di uno scorporo proprietario perché non mi piacciono gli espropri, sono un liberista, ma ci vuole un’altra società con una buona fetta in mano a Cdp”, spiega Catricalà. ”Nonostante le timidezze e le frasi elusive, il governo non abbandonerà questa idea”, conclude. (ANSA, 12 novembre 2013)

Antonio Catricalà (foto Olycom)

Antonio Catricalà (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci