Il presidente di Google Eric Schmidt entra nel board dell’Economist, un settimanale sempre più globale e digitale

Eric Schmidt, presidente ed ex ceo di Google è entrato nel board dell’Economist, il settimanale di approfondimento inglese. Dal prossimo mese assumerà la carica di non-executive director. È la prima carica dirigenziale che Schmidt assume al di fuori degli Stati uniti.

Nonostante la crisi dell’editoria, il 2013 è un ottimo anno per l’Economist: i suoi profitti sono saliti a 68 milioni di sterline. Per l’Independent, l’ingresso di Schimidt indica sia l’intenzione del settimanale di puntare al digitale sia la volontà di diventare un punto di riferimento mondiale nel dibattito economico. Conferma inoltre Londra come un hub mondiale dei media.

Il 58enne presidente di Google è un assiduo lettore della testata economica inglese e già nel 2004 aveva dichiarato: “Per me l’Economist offre il quadro migliore su ciò che succede nel mondo”, offrendo così il suo contributo alla campagna pubblicitaria del settimanale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Sky e Wavemaker in coro dal Wired Next Fest: data scientist e content manager cercansi

Il dibattito sulla crisi delle news ha bisogno di fare i conti con la realtà dei fatti

Fnsi-Uspi, primo contratto per i periodici locali. C’è anche il redattore web