Arriva una nuova app virale per Facebook, genera status in automatico

(ANSA) Un’app sviluppata per Facebook che rovista tra i profili degli utenti e genera ‘status’ in maniera automatica, in base ai vecchi messaggi scritti sulla propria bacheca. Spesso con risultanti esilaranti. E’ l’app ‘What Would I Say?’ (Cosa potrei dire?) inventata da un gruppo di laureati a Princeton, età media 25 anni, solo pochi giorni fa durante un evento informatico dell’Università. ”Abbiamo milioni di viste da tutto il mondo, decine di migliaia dall’Italia”, dicono all’ANSA gli ideatori. L’applicazione è come un gioco che prende le vecchie frasi dando un significato a volte sgrammaticato, a volte nuovo e inaspettato. Sta diventando virale Oltreoceano e sta iniziando a comparire sulle bacheche italiane di Facebook (è compatibile con il social network ma non è stata inventata dall’azienda di Mark Zuckerberg). Per provarla è necessario andare sul sito ufficiale (http://what-would-i-say.com/) chiedere di ‘generare uno status’ automatico, con la possibilità di postarlo poi sul proprio profilo Facebook. ”Non abbiamo piani immediati di espansione – spiegano gli ideatori – ma molte persone hanno espresso interesse in un’applicazione per Twitter”. (ANSA, 18 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, Usigrai scrive a Fico, Casellati e Vigilanza: con riproposizione di Foa per la presidenza attenzione a rischi illegittimità

M5S attacca Odg: non serve. Abolizione già sul tavolo del governo. Replica Fnsi: ritorsioni non fermeranno la stampa

Rai: il 26 settembre alle 13 audizione per Foa in Vigilanza. Alle 19.30 il voto della commissione