Intervista di Minoli a Roberto Fico. Ecco cosa ha veramente detto il presidente della Vigilanza a Prima

Il presidente della commissione di vigilanza Rai, Roberto Fico (M5S) è intervenuto questa mattina alla trasmissione ‘Mix24′ di Giovanni Minoli su Radio 24. Nella rubrica ‘Faccia a faccia’, il giornalista di Radio24 ha attribuito a Fico delle affermazioni che avrebbe letto nell’intervista di copertina di Prima Comunicazione del numero di luglio.

Nello specifico, Minoli chiede al presidente:”Parliamo di lei, si è autodefinito più volte, su Prima Comunicazione, Mastino a San Macuto”. Fico:”Mi hanno definito così”.

Effettivamente nell’intervista rilasciata a Prima, il termine ‘Mastino’ è usato più volte:

“Un mastino a San Macuto, così che si definisce Roberto Fico, che prende molto sul serio il ruolo di presidente della Vigilanza Rai in quota M5S. Chi direbbe mai che è un mastino? Glielo dico sperando che non se la prenda e non mi cacci dal suo ufficio di Palazzo San Macuto. Non solo non mi butta fuori ma ammette, senza vantarsi e freddamente: Sì, sono un mastino”.

Insiste Minoli: “Ha detto che ci sono due problemi: informazione e intrattenimento, parliamo dell’informazione. Lei ha detto che i giornalisti della Rai sono dei camerieri, a chi pensava?”

Fico “No, non l’ho detto”

Minoli “L’ho letto su Prima, e non ho letto neanche una smentita”

Fico “Non è un mio termine, lo smentisco”

Dall’intervista di Prima nessuna definizione è riconducibile al termine ‘giornalisti/camerieri’. Questo l’originale:

Fico “Ci sono due problemi, uno riguarda l’informazione e l’altro l’intrattenimento. Nostro compito è rendere l’informazione libera. Significa che i giornalisti non devono avere nessi partitici e che i propri riferimenti culturali e personali non devono interagire con il lavoro che fanno. Noi controlleremo che le trasmissioni non siano faziose. E se dovessimo trovarle tali ne chiederemo ragione”.

Roberto Fico

Roberto Fico, presidente Commissione vigilanza Rai (foto Olycom)

E ancora Minoli nel tema dell’intrattenimento:

“Per quanto riguarda l’intrattenimento, ha detto che come nell’informazione, ci sono grandissime professionalità sommerse. L’ho letto..”
Fico “Io non l’ho mai detto, ci siamo magari compresi male. Io ho detto che nella Rai ci sono grandissime professionalità – come i registi – eppure ci sono troppi appalti esterni”

La risposta di Fico pubblicata da Prima: “Se è vero che la Rai è, come ho detto, come dicono tutti, la principale agenzia culturale del Paese, allora questo deve essere riscontrabile anche nel flusso normale dei programmi di intrattenimento. Mi sa spiegare lei come mai la Rai non trasmette più film in prima serata? Ma come è possibile? E per di più sapendo che l’industria cinematografica è in crisi! Ci sono modi di fare intrattenimento piacevoli ma il modello non più essere quello del quiz dove vinci per un colpo di fortuna. Penso che l’abilità e la conoscenza debbano essere incoraggiate”.

 


Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il dibattito sul futuro del giornalismo ha bisogno di partire dalla realtà dei fatti

Fb e Twitter lanciano le etichette per segnalare i post politici sponsorizzati

Volkswagen Italia pubblica da sé le notizie online sulla mobilità sostenibile