Televisione

19 novembre 2013 | 10:51

Ricavi in calo del 7,4% nel 2012 per i big della tv italiana, pubblicità a -16%

(ANSA) L’insieme dei quattro maggiori operatori televisivi italiani (Mediaset, Rai, Sky Italia e TI Media) ha segnato nel 2012 una flessione dei ricavi pari al 7,4%, a causa della caduta della raccolta pubblicitaria (-16%), a fronte di servizi a pagamento (abbonamenti e pay per view) che hanno tenuto (+0,2%) e a un progresso del 2,4% del canone Rai. Lo rileva una ricerca di Mediobanca R&S. L’insieme dei ricavi televisivi del 2012 è sceso a 9,4 miliardi a causa della flessione del fatturato di Mediaset (-12,5%), La7 (-10,8%) e Rai (-7,6%). Solo Sky (bilancio al 30 giugno 2012) ha mantenuto le posizioni (+0,3%). Tra il 2008 e il 2012 la Rai ha segnato un calo dei ricavi (-14,7%) superiore a quello di Mediaset (-12,3%), nonostante il canone Rai sia aumentato del 7,9%. Colpa di una caduta pubblicitaria quasi doppia rispetto a Mediaset (-37,3% contro -18,7%). Mediaset ha inoltre beneficiato dello sviluppo della pay per view, con introiti passati da 199 a 521 milioni. Per quanto riguarda Sky, la raccolta pubblicitaria è cresciuta dal 2008 del 32,3% mentre i ricavi da abbonamento sono aumentati dell’8,1%. (ANSA, 18 novembre 203)