19 novembre 2013 | 16:00

Stop alla discriminazione femminile: la nuova campagna di Pubblicità Progesso (VIDEO)

E’ la discriminazione nei confronti delle donne il focus della nuova campagna sociale lanciata da Pubblicità Progresso. ‘Punto su di te’ è stata presentata lunedì 18 novembre allo Iulm di Milano in occasione della IX Conferenza Internazionale della Comunicazione Sociale ‘Il valore della diversità. Verso una nuova cultura di genere’.

L’impegno della Fondazione Pubblicità Progresso, organizzatrice della giornata, è stato riconosciuto anche dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha inviato un intervento video alla conferenza affermando che “si conferma l’impegno di Pubblicità Progresso per migliorare la convivenza civile e il benessere collettivo nel nostro Paese, contribuendo ad affermare sia il valore dell’uguaglianza delle opportunità sia il rispetto delle diversità a tutti i livelli e in tutti gli ambiti della vita quotidiana”.

“Abbiamo lavorato è un progetto di comunicazione integrata che ha come primo obiettivo la denuncia della discriminazione negata. Sono state usate le affissioni in strada, ma anche il web con un portale dedicato ai temi femminili, fino al coinvolgimento diretto dell’opinione pubblica per sostenere le iniziative di ‘Punto su di te’ e denunciare l’uso sui media di immagine lesive della dignità della donna”, ha spiegato Alberto Contri, presidente della Fondazione Pubblicità Progresso.

La prima tappa della campagna è stata l’affissione di alcuni manifesti con volti femminili corredati da fumetti da completare: ‘Al lavoro vorrei…’, ‘Quando torno a casa vorrei…’, con il claim finale ‘Le donne non possono esprimersi al 100%’. Dopo appena 2 settimane, i fumetti sono stati completati con frasi offensive e ricche di pregiudizi. “E’ da questi stereotipi che dobbiamo ripartire per combattere l’ignoranza e valorizzare le donne in tutti gli aspetti della vita”.

La campagna ‘Punto su di te’ è firmata da Young&Rubicam Group, Isobar e Mimesi per il digitale, Havas Media e Media Club per il planning, Istituto Piepoli per le ricerche, Combo Cut Film per la produzione degli spot tv, Eccetera per la comunicazione dei comunicati radio, Hyperactive Studio per la fotografia, Burson Marsteller come agenzia di PR, IGPDecaux, Maxima e Ipas, Sprint Production e GPP Industrie Grafiche. La campagna comprende anche un concorso musicale curato da Mario Lavezzi. Tutte le informazioni sono sul sito www.pubblicitaprogresso.org (O.M.).