Letta sul datagate: “Le comunicazioni del Governo non sono state compromesse”

(ANSA) In base alle risultanze dell’intelligence e dei contatti internazionali avuti “non risultano compromissioni della sicurezza delle comunicazioni dei vertici del Governo, ne’ delle nostre ambasciate”. Lo ha detto il premier Enrico Letta riferendo alla Camera sul Datagate. “Per quanto riguarda, più in generale, l’attività degli organismi informativi sulla sicurezza cibernetica – ha proseguito il premier – il Comitato interministeriale per la sicurezza pubblica ha confermato la necessità di proseguire l’attività di verifica e di tutela già avviata dalle nostre due agenzie operative, per escludere, con sempre maggiore certezza, che si siano verificati episodi di violazione della riservatezza delle comunicazioni istituzionali e dei cittadini o danni all’integrità del sistema Paese”.

“Non risulta che la privacy dei cittadini italiani sia stata violata da attività condotte da organismi informativi nazionali o da questi svolte in collaborazione con servizi di intelligence stranieri”.

Il segretario di Stato Usa John Kerry “mi ha confermato la volontà del presidente degli Stati Uniti di rifuggire dal mettere in opera azioni di sorveglianza di carattere generalizzato sulle comunicazioni nei confronti di istituzioni e cittadini di Paesi alleati”.

(ANSA, 20 novembre 2013)

Enrico Letta (foto Olycom)

Enrico Letta (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci