Lapo Elkann aumenta la quota in Good Films

(ANSA) Cresce la partecipazione di Lapo Elkann nella Good Films Srl. L’imprenditore di Italia Independent possiede ora il 30% della società – di cui la sorella Ginevra è presidente e Francesco Melzi d’Eril amministratore delegato – che all’ultimo Festival di Roma ha presentato il film evento Dallas Buyers Club. La pellicola ha vinto il premio per il Miglior Attore con Matthew Mcconaughey e il Premio del Pubblico per il Miglior Film. Fondata nel 2012, la Good Films produce e distribuisce film con l’obiettivo di crescere nel mercato portando al pubblico italiano il meglio del cinema indipendente mondiale. Lapo e Ginevra Elkann ne possiedono ora il 30% ciascuno, la stessa quota di Melzi d’Eril, mentre il resto delle quote è di proprietà Wildside, rappresentata da Lorenzo Mieli. “Sono certo – commenta Lapo Elkann – che la nuova compagine societaria ci offrirà la possibilità di esplorare ulteriori sinergie e affrontare sfide maggiori anche sul piano internazionale, per incrementare il già eccellente lavoro fatto e aumentare così l’offerta per il pubblico. Amo le sfide – aggiunge – e credo che quella del cinema di qualità non vada sottovalutata come importante parte dell’offerta culturale italiana”. Dal 28 novembre, Good Films porterà nelle sale Don Jon, con Josef Gordon-Levitt e Scarlett Johansson e l’acclamato Locke, gran successo al Festival di Venezia. Tra i film già distribuiti figurano The Lady di Luc Besson, il Leone d’Oro di Venezia 2012 Pietà di Kim Ki-duk, il candidato all’Oscar Darkness di Agnieszka Holland, il documentario di Martin Scorsese su George Harrison. (ANSA, 21 novembre 2013)

Lapo Elkann (foto Olycom)

Lapo Elkann (foto Olycom)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La storia di Pippo Fava marca la serata. Mentana e Gruber al top nella giornata dell’incarico a Conte

Cessione TuStyle e Confidenze, il Cdr denuncia: dall’editore pressioni per neutralizzare lo sciopero

Fcp-Assoradio: ad aprile +18,4% per la pubblicità in radio