Seimila ebook Mondadori in prestito su Media Library OnLine

(ANSA) Oltre 6 mila ebook del Gruppo Mondadori saranno disponibili per il prestito digitale nelle biblioteche, a partire dal prossimo gennaio. Questo grazie all’accordo stretto fra Mondadori e Horizons Unlimited, la società bolognese che gestisce MLOL (Media Library OnLine), il network di oltre 3.000 biblioteche in 15 regioni italiane e 4 paesi esteri per la distribuzione di contenuti digitali. Lo comunica l’ufficio stampa Mondadori. “Siamo molto soddisfatti di questo accordo. Le biblioteche rappresentano un canale certamente prezioso – dice Riccardo Cavallero, direttore generale Libri Trade del Gruppo Mondadori – per l’esperienza della lettura digitale che, in questo modo si fa ancora più aperta, condivisa e accessibile a tutti”. Gli oltre 6.000 ebook del catalogo di Edizioni Mondadori, Einaudi, Sperling & Kupfer e Piemme disponibili per il sistema bibliotecario attraverso la piattaforma MLOL, si aggiungono ai circa 19.000 titoli digitali già presenti. MLOL gestirà per Mondadori un canale distributivo rivolto a tutte le biblioteche (pubbliche, universitarie, scolastiche) in Italia e all’estero, con uno shop dedicato e una serie di strumenti che consentiranno l’integrazione dei titoli digitali Mondadori nei cataloghi delle biblioteche. Gli ebook del Gruppo Mondadori verranno distribuiti su MLOL con la formula consueta del “one-copy-one-user”, un meccanismo che simula il prestito bibliotecario dei libri cartacei. Questa formula base permetterà alla biblioteca di acquistare un dato titolo a prezzo pieno e di offrirlo poi in download remoto gratuito – con un DRM a tempo di 14 giorni – agli utenti della biblioteca stessa. Il progetto di Mondadori e MLOL, però, è anche quello di sperimentare in futuro nuove formule di vendita basate su una logica “pay per view”. “Con l’entrata del Gruppo Mondadori nel mercato digitale delle biblioteche si completa il ciclo iniziato da MLOL nel 2009. La presenza di tutti i principali gruppi editoriali italiani su MLOL – spiega Giulio Blasi, CEO di Horizons – segna un avvicinamento sostanziale del nostro Paese alla realtà americana, dove il 90% delle biblioteche pubbliche e il 100% delle biblioteche accademiche offrono servizi di accesso agli ebook per i propri utenti”. “Spero – sottolinea Stefano Parise, Presidente dell’Associazione Italiana Biblioteche – che questo esempio spinga altri editori a fare altrettanto e a sperimentare formule innovative, in attesa di interventi normativi che definiscano il ruolo e le prerogative delle biblioteche anche in ambito digitale”. (ANSA, 21 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Sky e Wavemaker in coro dal Wired Next Fest: data scientist e content manager cercansi

Il dibattito sulla crisi delle news ha bisogno di fare i conti con la realtà dei fatti

Fnsi-Uspi, primo contratto per i periodici locali. C’è anche il redattore web