Avon e Cerchi d’acqua lanciano una campagna contro la violenza domestica sulle donne

Avon, attiva nella vendita diretta di prodotti cosmetici, rinnova il proprio impegno nella lotta contro la violenza domestica sulle donne e lancia insieme a Cerchi d’Acqua – Cooperativa Sociale che dal 2000 opera come centro Antiviolenza a Milano- la campagna di comunicazione Uomo Contro Donna: fermiamo questo match.

Il volto della campagna- si legge nel comunicato- è Mauro Bergamasco, campione di uno sport definito un gioco bestiale giocato da gentiluomini. Il rugby è uno sport che trasmette i valori positivi di integrità, passione, solidarietà, disciplina e rispetto e Mauro, attraverso le metafore sportive, denuncia il fenomeno della violenza sulle donne e l’accettazione passiva da parte di tutti.

La campagna multi soggetto sarà on air dal 22 novembre al 16 dicembre nel circuito Atm della metropolitana di Milano.“Siamo molto contenti che Mauro abbia accettato questo importante incarico. E’ una campagna rivoluzionaria che coinvolge attivamente l’uomo e lo sport, il cui obiettivo è scuotere energicamente le coscienze di ciascuno. Abbiamo utilizzato head line molto forti, decidendo di non mostrare immagini: la violenza non è solo fisica, ma anche psicologica e si nasconde negli atteggiamenti quotidiani” dichiara Gennaro Formisano, Presidente Avon.

“Crediamo sia necessaria una riflessione comune tra uomini e donne per promuovere la cultura del rispetto e costruire un cambiamento nella relazione tra i generi”  dichiara Graziella Mazzoli, Presidente del centro antiviolenza Cerchi d’Acqua. “Il rugby è uno sport da sempre attento al mondo sociale,  per FIR è stato un passo naturale dare il patrocinio a questa campagna. Tutte le società di Rugby, i giocatori e i nostri tifosi hanno osservato un minuto di silenzio su tutti i campi in segno di rispetto a tutte le donne vittime di violenza domestica” ha dichiarato Alfredo Gavazzi, Presidente F.I.R. “Non può e non deve più esistere Uomo contro Donna: è un match al quale nessuno di noi può e deve assistere. Fermiamolo insieme, tutti.” dichiara Mauro Bergamasco, giocatore internazionale di rugby

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Tim, una piattaforma per il crowdfunding: salute, cultura, ambiente e società

Sky e Integer in difesa del mare con Legambiente

A Torino e Milano il corso ‘Essere in rete – Ideare, progettare, narrare e verificare l’identità digitale’