Il rapporto tra cliente e agenzia nella nuova campagna Assocom

Sappiamo fare di meglio: è lo stimolo che viene dal nuovo soggetto della campagna di sensibilizzazione e invito al confronto realizzata da Assocom, in uscita in questi giorni. Il ‘meglio’ dipende dalla qualità della relazione fra cliente e agenzia: un presupposto fondamentale per ottenere risultati all’altezza delle aspettative e della gratificazione di entrambe le parti. Lo scrive l’Associazione aziende di comunicazione in una nota diffusa oggi.

Rispetto, partnership, pensiero strategico, valorizzazione dei ruoli, professionalità: sono queste – scrive la nota – le parole chiave di un rapporto costruttivo e proficuo, che consente a tutti, agenzie e committenti, di lavorare insieme per una comunicazione di qualità, che torni a fare la differenza per il business e per il mercato. Mentre purtroppo, complice anche drammatica situazione economica globale, il rapporto fra clienti e agenzie pubblicitarie è sempre più caratterizzato da dinamiche che ostacolano la progettualità, la visione d’insieme, l’approccio di partnership. Tutto questo genera un circolo vizioso: la comunicazione fatta in questo modo non genera ritorni, le aziende tagliano gli investimenti, le agenzie tagliano la qualità. E tutto rischia di crollare, come mostra eloquentemente la creatività della campagna Assocom.

“È importante denunciare il pericolo di un metodo di lavoro, mai così evidente come in questi anni, che invece di compattare gli attori del mercato verso un comune obiettivo va nella direzione opposta”, afferma Emanuele Nenna, consigliere di Assocom che ha partecipato in prima persona allo sviluppo della campagna. “I clienti sperano di risparmiare maltrattando le agenzie, le agenzie sperano di sopravvivere abbattendo la qualità del lavoro e rinunciando alle migliori professionalità. Da qualche parte si deve interrompere il circolo vizioso. Una campagna non basterà, ma impegnarsi su temi di questo tipo con iniziative concrete è sicuramente uno dei compiti prioritari per Assocom”.

Assocom – continua la nota – sta lavorando in questa direzione innanzi tutto attraverso un dialogo attivo e fattivo con tutti gli attori della comunicazione, a cominciare dalle organizzazioni delle imprese investitrici. Lo dimostra ad esempio la posizione recentemente condivisa da Assocom, Upa e Unicom sul tema delle gare. L’impegno di Assocom è quello di contribuire a ricreare la cultura del rispetto e della professionalità che le logiche di un mercato stravolto hanno quasi distrutto. Per tornare a produrre buona comunicazione, l’unica che genera valore per il consumatore, il mercato, la committenza e le agenzie.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Copyright Ue, Crimi: su direttiva pensiamo a deterrenti. Dobbiamo immaginare il futuro, non regolamentare il passato

Cairo: positivo l’esordio di Cook. Per La7 +13% nella raccolta pubblicitaria a settembre

‘Codice Rocco’: infuriano le polemiche sui metodi del portavoce del governo Rocco Casalino