In Turchia lanciata ‘campagna di linciaggio’ contro il direttore di un giornale

(ANSA) Una ‘campagna di linciaggio’ e’ stata lanciata in Turchia su Twitter da simpatizzanti del premier Recep Tayyip Erdogan contro il direttore di un quotidiano critico con l’esecutivo di Ankara, riferisce Hurriyet online. Bulent Kenes, direttore dell’edizione inglese di Zaman, il principale giornale turco fino a tempi recenti sostenitore del governo, ha preso posizione con forza contro la decisione annunciata la settimana scorsa da Erdogan di chiudere le scuole private preparatorie alle grandi universita’. La misura ha suscitato dure critiche anche del molto influente movimento del leader islamico Fetullah Gulen – cui Zaman e’ vicino – che ha contribuito all’arrivo al potere del partito Akp di Erdogan nel 2002. Secondo Hurriyet un hashtag con la richiesta di dimissioni di Kenes e’ diventato un ‘trending topic’ su Twitter. Il quotidiano ricorda che l’Akp ha assunto nei mesi scorsi, dopo le grandi proteste di Gezi Park, 6mila persone incaricate di combattere secondo la direttive del partito del premier la ‘guerra’ delle reti sociali. Kenes e’ stato piu’ volte preso di mira dai sostenitori di Erdogan dalle manifestazioni di Gezi. Il suo quotidiano dopo le grandi proteste dei giovani turchi aveva suscitato reazioni irate in giugno negli ambienti di governo con un sondaggio che indicava un forte calo di consensi per l’Akp, dal 50% alle ultime politiche di tre anni fa al 35%. ”Purtroppo la campagna di linciaggio sui media e’ diventata parte della mia vita” ha detto Kenes a Hurriyet. Fra le accuse che gli vengono mosse ora su Twitter c’e’ anche quella di essere ”una spia sionista, che critica a nome del governo di Israele”. (ANSA, 22 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

È la stampa bellezza! Un un gruppo di ex giornalisti del Messaggero critici con Caltagirone raccontano il ‘loro’ quotidiano

Rai, ok del Cda a Foa presidente. La nomina ora passa dalla Vigilanza

MindShare si aggiudica la gara Ferrero, top spender da 130 milioni di euro