Televisione

22 novembre 2013 | 15:43

Brunetta scrive all’Agcom sulle presenze tv del Nuovo Centrodestra

(ANSA) “Come avrà avuto modo di constatare, a partire dallo scorso 16 novembre, si registra un moltiplicarsi delle presenze televisive a vantaggio esclusivo del soggetto politico denominato ‘Nuovo Centrodestra’”. È quanto scrive Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in una lettera indirizzata al presidente dell’Agcom, Angelo Cardani, e ai commissari Antonio Martusciello, Francesco Posteraro e Antonio Preto, che compongono l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Alla lettera, il presidente dei deputati di Forza Italia allega una scheda con il dettaglio delle presenze nei principali telegiornali e nei programmi di approfondimento della Rai: almeno 28 tra inviti e interviste per gli esponenti del Ncd in meno di una settimana. “Giova rilevare – sottolinea Brunetta – che, nelle edizioni di maggior ascolto dei telegiornali, come in tutte le trasmissioni di approfondimento politico, è palese una decisa sovraesposizione mediatica degli esponenti del gruppo ‘Nuovo Centrodestra’. Non le sfuggirà, ancor più in una fase politica così delicata, la necessità di vigilare e monitorare sulla programmazione televisiva pubblica, ai fini di salvaguardare i principi del pluralismo politico e della parità di trattamento tra diversi soggetti politici; a questo riguardo il ruolo dell’Agcom è risolutivo”.vo, che numerosi programmi televisivi stanno attuando un comportamento scorretto e parziale: si assiste sempre più alla presenza esclusiva di esponenti del ‘Nuovo Centrodestra’ in qualità di rappresentanti unici del centrodestra, mentre è notorio che, all’interno di questo schieramento politico, ci siano ormai sensibilità profondamente distinte, meritevoli tutte della giusta rappresentazione pubblica”. “Sono certo – scrive Brunetta al presidente e ai commissari dell’Agcom – che sarà, nel merito, un interlocutore attento, scrupoloso e autorevole. Per quanto mi riguarda, continuerò a mantenere alta l’attenzione e mi riserverò di valutare anche l’opportunità di presentare alla sua Autorità un formale esposto, nel quale denuncerò la violazione dei principi del pluralismo politico, dell’imparzialità e della parità di trattamento per i diversi soggetti politici”, conclude Brunetta. (ANSA, 22 novembre 2013)