Bruxelles indaga sulle licenze dei contenuti delle pay-tv

(ANSA) Dopo la sentenza della Corte Ue del 2011 che stabiliva che le leghe calcio europee non possono più vendere i diritti televisivi su base territoriale, la Commissione Ue ha aperto un’indagine per stabilire se il sistema di licenze dei contenuti delle pay-tv (non solo calcio ma anche film) violi le norme della concorrenza e ostacoli il completamento del mercato unico. L’indagine è ancora in corso e l’antitrust europeo non ha ancora deciso il passo successivo. Bruxelles vuole prima di tutto capire “se gli accordi di licenza per i contenuti premium delle pay-tv contengono clausole di protezione territoriale che potrebbero restringere la concorrenza, impedire il completamento del mercato unico e impedire ai consumatori il consumo transnazionale di sport e film”. Solo dopo deciderà cosa fare, ma la direzione l’ha indicata già la sentenza della Corte Ue del 2011: il principio su cui si è fondato finora tutto il sistema di vendita dei diritti sportivi è “contrario al diritto della concorrenza” nell’Unione europea. (ANSA, 25 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi