Usigrai: “Inaccettabile parlare della Rai solo in ottica di spending review”

(AGI) La Rai non serve a far cassa, il servizio pubblico non serve a ripianare i buchi di bilancio. E’ inaccettabile che si torni a parlare di Rai solo in un’ottica di spending review”. Lo dice l’esecutivo Usigrai a proposito delle ipotesi circa una privatizzazione, anche parziale, dell’azienda di viale Mazzini. L’Usigrai lamenta che “intanto nulla si fa sulle riforme realmente necessarie, a partire dall’abbattimento dell’evasione del canone che – da solo – vale oltre 550 milioni di euro e ci costringe a una spending review quotidiana.

Nel sottolineare che “il sindacato Il sindacato, con responsabilita’, ha gia’ contribuito a scelte difficili per contenere la spesa”, l’esecutivo Usigrai parla di necessita’ di un “cambio di passo”. Ci si interroga su “come si pensa di far sopravvivere e rilanciare il servizio pubblico senza dare una concreta prospettiva sul rinnovo della concessione del 2016 e anzi tenendo la Rai sotto la costante minaccia di privatizzazione. E ora, in particolare, inserendola nel ‘programma di lavoro’ del commissario staordinario per la revisione della spesa nel capitolo delle societa’ da sottoporre a ‘affidamento, razionalizzazione, vincolo di bilancio, dismissione e riduzione di numero'”. Per “il quadro diventa ancora piu’ preoccupante alla luce dei numerosi emendamenti (al momenti superati) alla Legge di stabilita’ che miravano a togliere risorse alla Rai”. Secondo l’Usigrai “non e’ piu’ tempo di tattiche: il governo e le forze politiche dicano i loro programmi reali sulla Rai e sul servizio pubblico 2016”.

AGI 26 novembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi