Editoria, TLC

26 novembre 2013 | 18:29

Ok alla scissione di Vivendi, Bolloré presidente della nuova società

(ANSA) Il consiglio di sorveglianza del gruppo Vivendi ha convalidato il suo progetto di scissione delle attività in due società, un polo multimedia che manterrà il nome Vivendi e un polo tlc che comprenderà l’operatore telefonico Sfr. Lo riferisce una nota. La presidenza della ”nuova Vivendi”, in cui sono incluse Universal Music e Canal +, sarà affidata a Vincent Bolloré, principale azionista del gruppo e oggi presidente del consiglio di sorveglianza. Attraverso la scissione, spiega ancora la nota, Sfr potrà ”acquisire una più grande autonomia strategica al fine di cogliere le opportunità di un mercato in mutazione”. Dall’altro lato, Vivendi ”avrà vocazione a diventare un gruppo internazionale di media che riunirà marchi forti nella produzione e distribuzione di contenuti originali”. Il progetto sarà ora sottoposto per convalida ai rappresentanti del personale e alle autorità competenti, in particolare l’Antitrust. L’obiettivo di Vivendi è ”inserirlo nell’ordine del giorno della prossima assemblea generale annuale, a fine giugno”. (ANSA, 26 novembre 2013)

Vincent Bolloré (foto Olycom)

Vincent Bolloré (foto Olycom)