Rds interessata alle radio Finelco

Secondo un articolo uscito oggi sul Sole 24 ore a firma di Marco Mele, Rds avrebbe presentato una manifestazione di interesse per le radio del gruppo Finelco, che controlla tre emittenti commerciali nazionali Radio 105, Virgin Radio e Radio Montecarlo. La Rcs ha una partecipazione del 44% in Finelco, mentre la quota restante è in mano al socio fondatore, Davide Hazan.

Ecco l’articolo di Marco Mele sul Sole 24 Ore:

Radio Dimensione Suono presenta una manifestazione d’interesse per le radio del gruppo Finelco. Lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Capelli e partners ha presentato, nei giorni scorsi, la manifestazione d’interesse di Rds per l’acquisto del 100% di Finelco all’ad di Rcs, Pietro Scott Jovane.
Il gruppo Finelco controlla tre emittenti commerciali nazionali: Radio 105, Virgin Radio e la storica RadioMontecarlo. La Rcs ha una partecipazione del 44% in Finelco mentre la quota restante è in mano al socio fondatore, Davide Hazan. Il gruppo editoriale ha però in mano un’opzione call per rilevare il 100% di Finelco entro i primi sei mesi del 2014. La manifestazione d’interesse del gruppo Rds, fondato e guidato da Eduardo Montefusco, mira appunto a far esercitare l’opzione call a Rcs per poi rilevare il 100% del gruppo radiofonico. Secondo indiscrezioni fondate, Rds si è detta pronta ad avviare incontri per arrivare alla sigla di una lettera preliminare d’intenti per definire le modalità della potenziale acquisizione. Allo stesso tempo, il gruppo guidato dalla famiglia Montefusco ha chiesto un periodo di esclusiva per compiere le tradizionali attività di valutazione senza interferenze di altri soggetti. Non è un mistero che le radio di cui RCS controlla il 44% siano nel mirino anche di Mondadori, che controlla Radio 101, ovvero del diretto concorrente della Rizzoli-Corriere della Sera nell’editoria periodica, oltretutto controllato da Fininvest, maggiore azionista di Mediaset, che da sola raccoglie più risorse pubblicitarie di tutte l’editoria messa insieme. La lettera d’intenti consentirebbe al gruppo Rds di avviare una due diligence finanziaria, contabile e amministrativa che sarebbe il preludio al successivo contratto di compravendita di Finelco.
Il gruppo di Eduardo Montefusco metterebbe sul piatto non solo una congrua offerta economica ma anche trent’anni di attività nel settore della radiofonia commerciale e i beni immobili posseduti a Roma (6.500mila metri quadri) e Milano (3mila metri quadri) e la crescita costante nelle rilevazioni di ascolto: nel terzo trimestre 2013, secondo l’indagine RadioMonitor, l’ascolto di Rds è cresciuto dell’1,5% mentre l’intero universo radiofonico è calato dell’1,2%. La sede di Roma, in particolare, è stata costruita ad hoc con una visione del futuro della radiofonia: nell’auditorium multimediale, progettato da un ingegnere del suono, si svolgono eventi dal vivo che poi vengono condivisi sia in radio sia sul Web e sulle altre piattaforme. Il prossimo sarà quello con Elisa, dopo, tra gli altri Jovanotti, Michael Bublè, Negramaro e così via. All’esterno della sede è disponibile una struttura gonfiabile per il post-evento. Ora Montefusco si sente pronto al grande salto per costruire quello che definisce «il polo radiofonico del futuro».

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Instagram: i due co-fondatori lasciano. L’addio previsto nelle prossime settimane

Compiono un anno le ‘Buone notizie’ del Corriere. Mattarella: iniziativa controcorrente

Fico: serve confronto tra governo e partiti per una Rai indipendente. Altrimenti sarà un nostro fallimento