Samsung e Htc barano sulle prestazioni, società finlandese le squalifica

(ANSA) Futuremark, azienda finlandese indipendente che ‘misura’ le prestazioni di pc, smartphone e tablet stilando classifiche tecniche, ha escluso dai suoi punteggi alcuni prodotti di Samsung e Htc. I due colossi hi-tech secondo la società avrebbero ‘ingannato’ il programma che esegue i test per far figurare prestazioni diverse. Fra i prodotti tolti dalla classifica di Futuremark ci sono il Galaxy Note 3 e l’Htc One. Futuremark ha quindi pubblicamente tolto dalle sue classifiche (‘delisted’) – annunciandolo con una nota sul suo sito web – diversi dispositivi basati sul sistema operativo Android perché sospettati di aver ”barato” nei test. Dispositivi come il Galaxy Note 3 di Samsung, l’Htc One e l’Htc One Mini non sarebbero stati in grado di aderire alla politica di equità della società. Questa richiede che un dispositivo si comporti con l’applicazione ‘3DMark’ come con qualsiasi altra, senza performance ad hoc concepite solo per raggiungere artificialmente punteggi alti. 3DMark è lo strumento di Futuremark per comparare i diversi gadget. I dispositivi sospettati di aver infranto le regole compaiono in fondo alla classifica dei Best Mobile Devices, pubblicata online, senza punteggio. “Le persone fanno affidamento ai benchmark Futuremark per generare risultati accurati e imparziali. Un dispositivo deve eseguirli senza modifiche, al pari di qualsiasi altra applicazione. Quando un dispositivo è sospettato di infrangere le regole viene eliminato”, spiega l’azienda sul suo sito. (ANSA, 27 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci