Dopo occhiali e orologi, ecco la parrucca ‘smart’

(ANSA) Dopo gli occhiali e l’orologio, nuovo ingresso nell’arena della tecnologia indossabile sulla quale è concentrata l’attenzione dei colossi di settore. Sony, come riportato dall’edizione online di Bbc, ha depositato domanda di brevetto per una ‘SmartWig’ o ‘parrucca intelligente”. Potrà essere indossata sui capelli naturali e sarà in grado di elaborare dati e comunicare senza fili con altri dispositivi. Potrà ad esempio misurare la pressione o fornire indicazioni ai non vedenti. La parrucca ‘smart’, si legge nella domanda di brevetto, potrebbe essere confezionata con capelli umani ma anche con lana, criniera di cavallo, piume o materiale sintetico. Nel documento, Sony spiega che interfaccia di comunicazione e sensori sono parzialmente coperti da parti della parrucca. Tra i possibili utilizzi anche funzioni utili a categorie di persone con disabilità. La ‘SmartWig’, ad esempio, potrà dare indicazioni ai non vedenti. Altri impieghi ”interessanti”, scrive Sony, possono essere di sicuro per l’industria dei videogiochi e in ogni altro settore che lavora con la realtà virtuale.(ANSA, 27 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Sky e Wavemaker in coro dal Wired Next Fest: data scientist e content manager cercansi

Il dibattito sulla crisi delle news ha bisogno di fare i conti con la realtà dei fatti

Fnsi-Uspi, primo contratto per i periodici locali. C’è anche il redattore web