Twitter e Facebook da record per la decadenza di Berlusconi: 250 mila citazioni. E’ di Spinoza il tweet più rilanciato

Il voto di ieri in Senato che ha decretato la decandenza di Silvio Berlusconi ha infiammato Twitter e Facebook. Secondo i dati raccolti da Blogmeter, dalle ore 7 del 27 novembre fino alle ore 6 del 28 novembre ci sono state circa 250 mila citazioni sul tema sui due social network principali, un record.

Su Facebook sono stati circa 100 mila le citazioni di Silvio Berlusconi, una stima conservativa visto che molti profili personali sono privati, mentre su Twitter i cinguettii relativi all’argomento decadenza sono stati oltre 155 mila provenienti da 43.727 account. Il picco di 1.163 tweet al minuto si è avuto subito dopo le 17.42, all’annuncio della decisione del Senato. In quel momento una parte si è limitata a rilanciare i tweet delle fonti giornalistiche più autorevoli, un’altra a scrivere qualche parola di commento, soventemente venata di ironia.

Il tweet più rilanciato della giornata è stato quello della community satirica Spinoza che ha raccolto oltre mille retweet.

Non sorprende che i termini più utilizzati siano stati ‘Berlusconi’, usato 93 mila volte, e ‘decadenza’ oltre 84 mila, accompagnati da avverbi spesso di soddisfazione.

L’argomento ha superato il volume di discussioni fatto registrare in precedenza dalla fiducia al governo Letta (116 mila tweet in una giornata) e dalla sentenza Mediaset (141 mila tweet in un giorno). Cifre record per un evento di questo tipo, battuto solo, in termini di volumi, ma non di autori unici, dalla puntata di Servizio Pubblico con lo stesso Cavaliere in veste di protagonista. Ma in quella occasione la concentrazione mediatica era omogenea e non frammentata come quella di ieri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Upa presenta Media Charter, otto punti per rendere l’avd online sicura e trasparente

Sky: governo Uk orientato a non interviene in caso di offerte da Comcast

Chiude l’Interview di Andy Warhol, la Sfera di Cristallo della cultura Pop