La tendenza del Bio-living nella ricerca Astarea

Che ruolo ha oggi la natura nei consumi, negli stili di vita, nelle proposte delle imprese e della Distribuzione, nei processi produttivi? Come si sta trasformando la relazione tra natura, società ed economia? Quale il significato in questo contesto, del mondo “Bio” e più specificatamente, dell’Organico? Per rispondere a queste domande Astarea, società di ricerche di marketing, il 27 Novembre ha organizzato il workshop Bioliving – La natura entra nei prodotti e ispira i processi. Dal Green della scarsità al Blue dell’abbondanza.

Nel workshop è stata presentata la ricerca Astarea ‘L’innovazione attraverso la Bio-culture’.
Il cambiamento degli ultimi tempi consiste nella moltiplicazione dei settori che utilizzano materiali e ingredienti naturali/organici, nell’ampliamento delle promesse ai consumatori da parte dei prodotti naturali e soprattutto Bio, nella crescente integrazione tra natura e tecnologia.

In Italia l’incremento del Bio nel food è stimato al 7% nel 2013, quindi in controtendenza rispetto al comparto in generale. Dato forse più interessante, l’ingresso dei prodotti Biologici in altri canali rispetto a quelli consueti: l’hard discount cresce del 26%, i ristoranti del 13%, l’e-commerce del 20%: una vera rivoluzione culturale rispetto all’immagine elitaria che si era inizialmente associata al segmento. Secondo elemento rilevante: la crescita del Bio nei mercati non food, dalla cosmesi (+3.5% nel 2013 rispetto al 2012) alla detergenza per la casa.

Ancora più innovativa la crescente presenza della Natura in settori non food: materiali naturali poco convenzionali (fibre di latte, bamboo e ortiche o piante urticanti) nella moda; tecniche di prodotto a base organica (agenti organici, celle organiche, cellule fungine, polimeri organici) nell’elettronica, l’energia, il design; recupero di maggiore naturalità nei cosmetici con la riduzione di conservanti, parabeni, tensioattivi, oli minerali o sali di alluminio.

Il Bio-living può essere considerato una tendenza di lungo periodo: viene da lontano, si è trasformata nel tempo, e andrà consolidandosi.
Nonostante si sia sviluppata negli anni della crisi, aggancia macro trend di lungo periodo: l’esigenza di compatibilità ambientale e di massima utilizzazione delle risorse, il bisogno di flessibilità e alleggerimento, la richiesta di maggiori livelli di efficienza e di performance, l’attenzione alla salute e al benessere, l’inclinazione al soft, delicato, slow.
I prodotti, che integrano e integreranno elementi e schemi organizzativi della natura saranno probabilmente più in grado di rispondere a queste istanze e quindi di assicurarsi asset competitivi.

Al workshop sono intervenuti: Roberto Olivi – BMW Group Italia; Giorgio Mantovani – Corman, Healthcare & Wellness; Pierfrancesco Morganti – Università di Napoli e Pavia, Mavi Cosmetics; Leopoldo Tommasi – Agrotecnico Paesaggista, Scuola Agraria Monza Bianza; Giulio Ceppi – Architetto, Politecnico di Milano, Total Tool; Giuseppe Vivace – CNA Milano Monza Brianza; Paolo Ricotti – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Repubblica lancia ‘Dentro la notizia’, podcast settimanale su Audible

MindShare si aggiudica la gara Ferrero, top spender da 130 milioni di euro

Tim main partner di Matera capitale della cultura 2019