Televisione

04 dicembre 2013 | 18:23

Cultura e performing arts per la nuova Rai5

(ANSA) ”La Rai ha una grande responsabilità, come servizio pubblico, quella di diffondere e difendere la cultura italiana, anche cercando di far riaffezionare il pubblico a generi e programmazioni diverse”. Così il direttore generale Luigi Gubitosi, illustrando oggi a Viale Mazzini, alla presenza del ministro Massimo Bray, il nuovo palinsesto di Rai5. Sette generi d’eccellenza per sette serate: è la nuova dimensione della rete diretta da Pasquale D’Alessandro, che da canale di ‘Intrattenimento culturale’ si trasforma in canale della ‘Cultura e delle Performing Arts’. La sua offerta ricca e variegata permette al telespettatore di trovare – in prima serata – eventi di qualità, ma anche ‘itinerari’ culturali segnati dalle serate tematiche. Gubitosi ha rilevato che il primo canale dedicato alle Performing Arts non poteva che prendere il via nella settimana in cui si inaugura la stagione lirica del Teatro alla Scala (il 7 dicembre, dalle 17.30, sarà trasmessa in diretta “La Traviata” di Giuseppe Verdi con la direzione di Daniele Gatti e la regia di Dimitri Tcherniakov, una delle opere più conosciute del Maestro di Busseto, di cui proprio nel 2013 ricorre il bicentenario della nascita). Il dg ha quindi ricordato l’impegno dell’Azienda e le iniziative già previste, sottolineando l’esigenza di ”dedicare alle arti figurative, del teatro, del cinema d’autore, della letteratura, dell’opera e del balletto, della danza e dei docufilm spazi di informazione anche nelle reti generaliste, con l’obiettivo di allargarne la visibilità, di formare un nuovo pubblico, di rappresentare la pluralità dei linguaggi proposti anche da nuove generazioni di artisti”. Proprio il 30 ottobre scorso si era svolto al ministero dei Beni culturali e del turismo un incontro tra Bray e Gubitosi. Oggi il ministro, intervenendo a Viale Mazzini, ha tenuto da parte sua a evidenziare come la Rai e il ministero siano due luoghi che diffondono cultura: ”Vorrei che la Rai facesse parte del Mibact perché credo che sia il suo luogo naturale. Credo che legare l’azienda al ministero che sto guidando sarebbe forse la migliore risposta nei confronti di cittadini per quanto riguarda il canone che tutti noi dobbiamo pagare”. Alla domanda dei cronisti se abbia condiviso la proposta con il ministero dell’Economia, Bray ha risposto: ”Ne parlerò con Saccomanni”. Da parte sua Gubitosi ha ricordato che ”le azioni dell’azienda fanno comunque parte del ministero del Tesoro. Credo che il ministero di riferimento per l’azienda cambi in funzione dei programmi: possiamo avere infatti come riferimento il ministero dell’Agricoltura per certe trasmissioni oppure quello dell’Istruzione per altre e, ovviamente, quello dei Beni e delle attivita’ culturali per altre trasmissioni”. Tornando al nuovo palinsesto di Rai5, la domenica è dedicata alle arti figurative, il lunedì ai classici del teatro, il martedì al cinema d’autore, il mercoledì alla letteratura, il giovedì alla grande musica, il venerdì ai documentari d’autore, il sabato al teatro contemporaneo e alla danza. D’Alessandro ha ricordato che già domenica scorsa con “Cool Tour Arte Speciale Biennale di Venezia” Rai5 ha reso un omaggio alla 55/a Esposizione Internazionale d’Arte che si è appena chiusa a Venezia registrando uno strepitoso successo. Questa sera alle 21.15 con In scena Fabrizio Gifuni legge brani da Suburra, di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo. E alle 22.15 per i 90 anni della nascita di Italo Calvino la rete propone il documentario biografico di Roberto Giannarelli. Domani in attesa della prima scaligera la rete propone una puntata speciale di Petruska intitolata Madamigella Valéry e interamente dedicata alla Traviata. Michele dall’Ongaro svela i segreti del capolavoro di Giuseppe Verdi con l’aiuto di prestigiosi ospiti: tra loro il direttore d’orchestra Daniele Gatti. Sono tante le offerte che è impossibile elencarle tutte. Ricco anche il palinsesto notturno di Rai5: tra l’altro dal martedì al sabato, da gennaio 2014, andrà in onda il programma Ghiaccio bollente, uno spazio dedicato alla musica dal vivo con jazz, rock e world. In accordo con i principali festival (per primo Umbria Jazz), una programmazione di concerti e documentari per ripercorrere i diversi stili. (ANSA, 4 novembre 2013)

Luigi Gubitosi (foto Olycom)

Luigi Gubitosi (foto Olycom)