Come cambia il prezzo dei libri dalla carta al digitale

Il prezzo medio di copertina dei libri (senza considerare eventuali promozioni fatte dagli editori) è diverso da un canale di vendita all’altro. Due ricerche presentate oggi alla Fiera nazionale dell’editoria ‘Più libri più liberi’, in programma fino a domenica 8 dicembre al Palazzo dei Congressi dell’Eur a Roma, illustrano le differenze sul prezzo medio di copertina tra libri digitali e cartacei, acquistati online o in libreria.

Partendo dai cartacei, è emerso che il prezzo medio di copertina dei libri è più alto nei canali on line rispetto alle librerie, e più alto nelle librerie ‘indipendenti’ che in quelle di catena.
È più alto nelle librerie on line perché solo lì si trova un certo tipo di produzione (meno mainstream, per così dire) di cultura e di ricerca. Le librerie indipendenti – complice la crisi – hanno dovuto infatti alleggerire il loro magazzino, e inevitabilmente hanno dovuto privilegiare i titoli a prezzo più alto e a minor indice di rotazione. A questo punto, diventa inevitabile per il lettore andare a cercare i titoli negli store online, che possono massificare di più le promozioni.

Quanto agli e-book, quale dovrebbe essere per un lettore il prezzo giusto? Secondo la ricerca, non è inferiore al 30-36% a quello dello stesso libro di carta.

Questi sono solo alcuni degli elementi che emergono dalle indagini di Simon-Kucher & Partners e Informazioni Editoriali, rese note nell’ambito del convegno a cura dell’Associazione Italiana Editori (Aie) ‘Il pricing è giusto?’, hanno indagato il mondo dei prezzi del libro di carta e quello del pricing dei libri digitali: un tema centrale oggi nelle politiche aziendali, in bilico tra l’eccessiva ‘svalutazione’ del prodotto editoriale e la necessità di “tenere agganciato” al libro e alla lettura un popolo di non lettori come quello italiano.

Un aspetto, quello del prezzo di copertina alla produzione, che presenta andamenti diversi non solo a seconda delle tipologie di imprese, ma anche tra grandi e piccoli editori. I piccoli infatti hanno un prezzo di copertina dei libri di carta alla vendita che è calato dal 2010 al 2012 del -10% (da 22,2 a 20), mentre per i grandi il calo è stato, nello stesso arco di anni, del -1% (da 17,2 a 17,1).

Quali differenze tra i diversi canali? Il canale con il prezzo medio di copertina alla vendita più basso è quello delle catene, che ha anche avuto il decremento maggiore nel prezzo medio di vendita (-3,2% tra 2010 e 2013). Le librerie indipendenti e quelle on line riescono a vendere libri con prezzi medi più alti, anche se nel corso degli ultimi tre anni sono le librerie on line che vedono i loro clienti disposti a scegliere libri con un prezzo medio di copertina del venduto che cresce del +6,6%. Inoltre, anche per gli e-book come per la carta, i piccoli hanno prezzi di copertina mediamente più elevati, anche se in calo tra 2010 e 2012: -22% (da 10,7 a un prezzo medio di 8,3 euro).

E dal punto di vista del lettore? Qual è il prezzo giusto per un e-book? Dall’indagine di Simon-Kucher & Partners, il prezzo giusto per un e-book senza contenuti aggiuntivi è del 30-36% in meno rispetto al prezzo della versione cartacea, anche se ben il 70% di chi ha risposto all’indagine (condotta su lettori italiani, tedeschi, inglesi e americani) è disposto a pagare di più un e-book rispetto allo stesso libro in formato cartaceo se questo offre contenuti o features interessanti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Audible e Il Libraio lanciano Audiolibraio, serie podcast dedicata agli audiolibri

Mondadori Portfolio acquisisce l’archivio fotografico di Veneranda Biblioteca Ambrosiana

Con ‘Questionable’ DigitalMde offre soluzioni customizzate ai brand che vogliono farsi riconoscere dagli assistenti vocali