10 dicembre 2013 | 15:23

Premio Dell’Orso 2013: vince il libro sul Museo dei Martinitt e delle Stelline

Viene consegnato oggi alle 18.30, presso il Museo Diocesano di Milano, dall’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso, il riconoscimento intitolato alla memoria della giornalista che ha dedicato la sua vita alla divulgazione delle tematiche legate ai beni culturali. Il Premio, alla sua quarta edizione, è stato assegnato a Marianna Belvedere e Cristina Cenedella, autrici di ‘La storia va in scena’, il libro che descrive in modo interdisciplinare la nascita e la realizzazione del museo milanese dei Martinitt e delle Stelline.

Il comunicato annuncia che la consegna del Premio avverrà nel corso di una cerimonia pubblica in programma oggi, martedì 10 dicembre, alle 18.30 al Museo Diocesano di Milano (C.so di Porta Ticinese 95). Il Comitato scientifico dell’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso – composto da Annalisa Cicerchia, Pietro Clemente, Marisa Dalai Emiliani, Francesco Erbani, Daniele Jallà e Paolo Cavaglione – ha ritenuto di assegnare l’ambito riconoscimento a chi ha saputo raccontare nel libro ‘La storia va in scena’ l’avventura della nascita di un nuovo museo. Grazie anche a numerosi contributi specialistici l’opera è un prezioso ausilio per progettisti, storici dell’arte, archivisti e comunicatori impegnati nella realizzazione di una sede museale. Il Premio, offerto dall’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso, consiste in una dotazione di tremila euro.

Alla sua quarta edizione, il Premio è l’importante riconoscimento per chi si occupa della comunicazione rigorosa e puntuale delle problematiche inerenti i beni culturali. “Il Premio Silvia Dell’Orso – sottolinea Paolo Cavaglione presidente dell’Associazione – è il momento più rappresentativo dell’azione che pone la divulgazione al centro delle nostre attività. L’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso (www.a-sdo.org) è l’unica, in Italia, che promuove e incentiva la corretta divulgazione quale strumento imprescindibile per formare nei cittadini consapevolezza e sensibilità nei confronti del proprio patrimonio culturale”.

La Papessa Rossa è il titolo del reading (a cura di Irene Grazioli e Sandro Nava), che si svolgerà a margine della premiazione. I testi, liberamente tratti dall’archivio storico degli Istituti milanesi Martinitt e Stelline e Pio Albergo Trivulzio raccontano, attraverso un serrato carteggio dal 1915 al 1919, la contrapposizione sulle attività religiose all’interno dell’Istituto tra Linda Malnati, figura storica del socialismo milanese e membro del consiglio di amministrazione delle Stelline e don Mosè Merli, sacerdote dell’orfanotrofio. Un pezzo di storia delle Stelline che è anche lo specchio delle tendenze laicistiche dell’epoca nel Paese.