New media

11 dicembre 2013 | 18:38

Svolta Spotify: gratis anche su smartphone e tablet

(ANSA) Accesso gratis alla libreria musicale – supportato dalla pubblicità – anche da tablet e smartphone, rimozione del limite d’ascolto mensile di 10 ore e l’arrivo dell’intero catalogo dei Led Zeppelin. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, ecco le novità annunciate oggi da Spotify che diventa sempre più aggressiva nei confronti di altri servizi musicali come Deezer e Pandora e quelli messi in campo da big della tecnologia come Google e Apple. “Con queste novità stiamo dando agli appassionati di musica la migliore esperienza di ascolto gratuita nella storia degli smartphone e tablet”, ha spiegato Daniel Ek, CEO e Fondatore della società, durante una conferenza stampa a New York. Fino ad ora il servizio di musica in streaming on demand era disponibile in versione gratuita su pc, supportato dalla pubblicità. Se si voleva fruire da dispositivi mobili bisognava avere uno dei pacchetti a pagamento proposti. Da oggi, invece, Spotify estende l’ascolto ‘free’ anche a tablet e smartphone. Per il primo dispositivo, sia iOS che Android, l’esperienza di utilizzo è la stessa che gli utenti hanno apprezzato nella versione desktop (qualsiasi canzone o album disponibile on demand con un solo click). Per gli smartphone, invece, l’ascolto è in modalità ‘shuffle’: permette di accedere gratis a milioni di canzoni, formando playlist e ascoltando quelle delle persone che si seguono. Si può anche ascoltare un artista in particolare, lasciando però che sia il sistema a proporre un brano. Altra novità legata al lancio di oggi è la rimozione del limite di 10 ore di ascolto mensili, ufficialmente tolto dando così la possibilità di riprodurre musica su Spotify senza limiti. Ma anche l’arrivo dell’intero catalogo musicale dei leggendari Led Zeppelin. Spotify è stato lanciato nel 2008 in Svezia. In cinque anni è sbarcato in 55 paesi tra cui l’Italia, consente agli utenti di accedere a oltre 20 milioni di canzoni. Attualmente conta più di 24 milioni di utenti attivi e oltre 6 milioni di abbonati. Dal lancio, spiega la società, “ha riconosciuto più di un miliardo di dollari ai detentori dei diritti”. (ANSA, 11 dicembre 2013)