Notizie di agenzia, TLC

17 dicembre 2013 | 16:29

Il governo inglese rafforza la sorveglianza sul colosso cinese Huawei

(TMNEWS) Il governo britannico ha deciso di “rafforzare” la sorveglianza sul gigante cinese telecom Huawei attribuendo un “ruolo di primo piano” al Gchq (servizi di sorveglianza britannici) nelle nomine dei responsabili del centro di valutazione del gruppo.

Ren Zhengfei, fondatore di Huawei (foto Newnation.sg)

Ren Zhengfei, fondatore di Huawei (foto Newnation.sg)

La commissione parlamentare per l’intelligence e la sicurezza (Isc) nel giugno scorso aveva sollecitato il governo ad agire contro i rischi rappresentati dall’accordo, siglato 10 anni fa, fra Huawei e British Telecom (Bt), che gestisce la maggior parte dei canali delle telecomunicazioni britanniche.
In risposta, il governo aveva annunciato a metà luglio che avrebbe esaminato la protezione dei suoi canali di telecomunicazione nel timore che la presenza del gigante cinese associato a Bt sul mercato britannico non creasse dei rischi per la sicurezza.

Il riesame è ormai terminato, ha annunciato oggi in un comunicato il governo di Londra. “La principale conclusione del governo è che la sorveglianza del centro di valutazione per la cybersicurezza di Huawei (Hcsec) deve essere rafforzato e che il Gchq deve giocare un ruolo di primo piano nelle nomine future dei responsabili del centro”, ha aggiunto il governo.

Huawei ha accettato nel 2010 di investire in un centro di valutazione di cybersicurezza noto con il nome di ‘The Cell’. Nondimeno, l’Ics si era preoccupata del fatto che il centro è finanziato dall’impresa, che è privata, e gestito da dei dipendenti.

Il gigante cinese ha “accolto positivamente” l’annuncio del governo britannico. “Huawei condivide lo stesso obiettivo del governo britannico e dei suoi clienti di innalzare il livello della cybersicurezza nel Regno Unito”, ha dichiarato il gruppo in un comunicato.

Fondata nel 1988 da Ren Zhengfei, un ex ingegnere, Huawei è una società privata di proprietà dei suoi dipendenti. Le sue attività principali sono la ricerca e sviluppo, la produzione e commercializzazione di apparecchiature per le telecomunicazioni e la fornitura di servizi di rete per gli operatori di telecomunicazioni. Huawei è stato al centro di una serie di controversie fra Pechino e Washington sulla sicurezza informatica in seguito alle sue presunte relazioni con il governo di Pechino. (TMNEWS, 17 dicembre 2013)