Bertoluzzo (Vodafone): “In Italia investiremo 3,6 miliardi”

(ANSA) ”Sta esplodendo l’utilizzo del video. Questo porta a rilanciare gli investimenti sulle reti. Abbiamo varato da poco il piano Spring che aumenta i nostri investimenti di 8,2 miliardi nei prossimi due anni oltre ai 15 che come Gruppo Vodafone avevamo già programmato. L’Italia avrà un ruolo centrale. Passeremo da 1,8 a 3,6 miliardi in due anni”. Lo afferma, in un’intervista al Messaggero, l’Ad uscente di Vodafone Italia Paolo Bertoluzzo, da due mesi direttore commerciale e delle operazioni di Vodafone nel mondo. ”Il consolidamento del settore è una necessità e una opportunità. Per quanto riguarda Wind e 3, un consolidamento tra il terzo e il quarto operatore sarebbe sicuramente positivo”, dice Bertoluzzo. ”Su Infostrada, se qualcuno pensa che siamo interessati, dovrebbe venire a proporci l’operazione. Noi siamo investitori che vogliono crescere sulla rete fissa. Credo che è una cosa che potremmo valutare se compatibile con la nostra strategia”. Quanto all’ipotesi di un’offerta di Vodafone per Telecom Italia, ”non è nella nostra agenda”. Nell’intervista Bertoluzzo commenta la delibera sulle reti di nuova generazione (Ngn) e sulle tariffe della vecchia rete. Quella dell’Authority per le tlc, osserva, è una ”decisione coraggiosa” che ”creerà più concorrenza in Italia. Non solo perché allinea le tariffe Telecom ai costi effettivi, ma anche perché aprirà i cosiddetti cabinet, gli armadietti dell’ex monopolista, anche alla fibra degli altri operatori. Il nostro piano di investimenti si basa su questi presupposti”. (ANSA, 19 dicembre 2013)

Paolo Bertoluzzo (foto Olycom)

Paolo Bertoluzzo (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci