Mercato

20 dicembre 2013 | 15:48

Boom per il mercato delle app: il dating on line batte musica e giochi

100 miliardi di applicazioni scaricate nel 2013 contro i 64 miliardi del 2012, per un giro d’affari di 26 miliardi di dollari contro i 18 miliardi dell’anno precendete: questi i numeri messi in evidenza dal portale Cougaritalia.com. In Italia 28 milioni di persone possiedono uno smartphone e 22 milioni lo usano per navigare. Esplode così il mobile internet, destinato a crescere ancora nel 2014.

Sono passati 4 anni e mezzo da quando il 10 luglio 2008 Apple inaugurò l’App Store, il negozio virtuale che diede il via al boom delle web application, ovvero programmi di ogni tipo, gratuiti o a pagamento, per smartphone o tablet.

Da allora, grazie anche alla straordinaria diffusione dei nuovi telefonini, la app economy è diventata il business più prolifico di internet. Secondo CougarItalia.com, a livello globale l’anno si chiuderà con oltre 100 miliardi di applicazioni scaricate, rispetto ai 64 miliardi del 2012, per un giro d’affari intorno ai 26 miliardi di dollari, contro i 18 miliardi del 2012.

“Solo in Italia, il giro d’affari complessivo è stato di 624 milioni di euro, l’86% dei quali provenienti dalla spesa degli utenti ed il 14% dagli investimenti pubblicitari. Ma questi numeri nel 2013 sono quasi raddoppiati, superando il valore di un miliardo di euro”, afferma Alex Fantini, ideatore di CougarItalia.com, che proprio per il mercato italiano ha recentemente lanciato due nuove application, una dedicata alle donne che cercano relazioni con uomini più giovani di loro, e l’altra per coloro che cercano un’avventura al di fuori del proprio matrimonio.

Ma quali sono le preferenze degli italiani? Lo svago é il tema dominante: le applicazioni di gioco (36%), social network (32%) e musica (31%) sono le più scaricate. E sì, il social networking, includendo anche il dating online, batte perfino la musica.