Comunicazione

27 dicembre 2013 | 17:05

Online l’annuario statistico italiano dell’Istat e il progetto multimediale ‘Noi Italia’

(ITALPRESS) Anche quest’anno l’Istat ha pubblicato il tradizionale ‘Annuario statistico italiano’, che documenta in modo ampio e scientificamente solido i diversi temi ambientali, sociali ed economici che maggiormente interessano il nostro Paese. Disponibile per il download sul sito dell’istituto, previa compilazione di un modulo di acquisto, il volume, di 830 pagine, permette di conoscere in maniera capillare il tessuto sociale e produttivo del Paese. Ci si potra’ inoltre rendere conto della ricchezza della produzione dei dati offerta tanto sia dall’Istat, sia dai principali enti appartenenti al Sistema Statistico Nazionale. Questa nuova edizione, aggiornata con i dati piu’ recenti, e’ arricchita anche dai risultati che derivano dall’ultima tornata censuaria. L’apposito capitolo riporta le principali informazioni derivanti dal sesto Censimento dell’Agricoltura, una sintesi dei risultati del nono Censimento dell’Industria e dei Servizi, la cui diffusione verra’ completata nei prossimi mesi, nonche’ i primi risultati del quindicesimo Censimento Generale della Popolazione della Abitazioni che permettono fin d’ora di delineare il profilo generale della popolazione italiana e straniera abitualmente dimorante in Italia. Il volume e’ disponibile, oltre che nella tradizionale veste cartacea, anche sul sito web dell’istituto (www.istat.it) da dove l’utente puo’ scaricare le tavole nei diversi formati e accedere alla versione in pdf, completamente navigabile.

I testi, spesso corredati di rappresentazioni grafiche, offrono una breve sintesi dei principali risultati e accompagnano l’utente nell’approfondimento dei fenomeni. Al lettore viene anche fornito un ampio corredo di strumenti a supporto dell’interpretazione dei dati: le note metodologiche delle singole fonti statistiche che permettono di individuare in maniera precisa la provenienza di ciascuna informazione, un glossario completo dei termini utilizzati, la sezione ‘per saperne di piu” e i riferimenti bibliografici che consentono non solo l’approfondimento tematico degli argomenti, ma anche un facile accesso ad altre fonti di dati correlate. Infine l’opera si avvale di un ricco insieme di indici che ne semplifica ulteriormente la consultazione. Grazie al suo ampio apparato di dati e metadati, l’Annuario costituisce ormai da molti anni per gli esperti, i policy makers e per i cittadini tutti un importante strumento per orientarsi nel mare di dati, uno strumento che l’Istat non manchera’ di innovare per assicurare che esso sia sempre al passo con le crescenti esigenze informative espresse dalla nostra societa’. Altro appuntamento fisso dell’Istituto di statistica e’ quello con “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”. Questo volume offre un’ampia e articolata produzione di indicatori aggiornati e puntuali, che riguardano aspetti economici, sociali, demografici e ambientali del nostro Paese, permettendo di focalizzare la nostra collocazione nel contesto europeo e individuare le differenze regionali che caratterizzano il Paese.

Noi Italia e’ stato progettato per consentire non solo agli esperti, ma a tutti i cittadini una migliore comprensione dell’evoluzione dei fenomeni di maggiore attualita’. Gli indicatori, raccolti in 19 settori per un totale di 118 schede, si possono consultare in modo interattivo attraverso innovativi strumenti di visualizzazione grafica dei dati statistici; e’ possibile, inoltre, scaricare i dati su un foglio elettronico, approfondirne i diversi aspetti grazie ai link presenti in ogni pagina. Alla fine di novembre 2013, ad esempio, i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 51,1% degli occupati dipendenti e corrispondono al 49,4,% del monte retributivo osservato. Nel mese di novembre l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,3% nei confronti di novembre 2012. Complessivamente, nei primi 11 mesi del 2013 la retribuzione oraria media e’ cresciuta dell’1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2012. Da quest’anno, in occasione del rilascio della pubblicazione cartacea saranno messi a disposizione degli utenti ulteriori formati di consultazione: e-pub e App per smartphone.

27 dicembre 2013