Radio

28 dicembre 2013 | 13:37

Rcs punta a vendere la spagnola Radio Marca, ma la partita più rilevante nel settore delle emittenti rimane quella italiana

Riportiamo la notizia dell’agenzia Radiocor segnalata sul sito web di Franco Abruzzo.

Il business delle radio sarà al centro dell’attenzione degli azionisti  di Rcs Mediagroup nei primi mesi del 2014. Il gruppo editoriale si sta mobilitando per uscire dal business  radiofonico non solo in Italia, dove si attendono novità  sulla quota del 44,5% di Finelco (Radio 105, Radio Monte Carlo e Virgin Radio), ma anche in Spagna. La  controllata  spagnola Unidad Editorial, secondo quanto risulta a Radiocor,  punta a vendere Radio Marca, emittente spagnola che trasmette  notizie sportive 24 ore su 24, strutturata a un network nazionale. Le negoziazioni, finora, non hanno portato a conclusioni concrete e, secondo la stampa locale, i motivi  sarebbero legati anche al calo degli ascolti nell’ultimo anno  della giovane emittente sportiva (nel 2001 l’avvio delle trasmissioni). La cessione dell’asset permetterebbe al gruppo  editoriale spagnolo di portare nelle casse un pò di  liquidità in un momento di forte crisi del settore e alleggerirebbe i costi di mantenimento delle trasmissioni di sport dal vivo. Ma la partita più rilevante nel settore  delle emittenti per Rcs rimane quella italiana – la quota in  Finelco é valutata tra i 50 e i 60 milioni – che dovrebbe concretizzarsi, se tutto va nel verso giusto, nella prossima  tarda primavera, in occasione della scadenza dei patti  parasociali con la famiglia Hazan che detiene il 66,5% di Finelco. Se in un primo momento sembravano diversi i candidati interessati a rilevare la quota in capo a Rcs – sono stati citati fra gli interessati anche Mondadori e il gruppo Rds – ora sembra essere rimasto il fondo Clessidra di Clausio Sposito che, secondo indiscrezioni, starebbe cercando  un accordo con la famiglia Hazan. Finelco ha chiuso il 2012  con una perdita di circa 9 milioni di euro a fronte di 74 milioni di euro di ricavi. (RADIOCOR)

27 dicembre 2013