Ascolti record per la premiere della quarta stagione di Downton Abbey

(TMNews) In un paio di ore Downton Abbey ha messo a segno un record: nonostante toni da lutto, il primo episodio della quarta serie andato in onda domenica scorsa negli Stati Uniti è riuscito a incollare davanti al televisore un numero record di spettatori.

Sono state 10,2 milioni le persone che si sono sintonizzate sul canale Pbs, che come nelle serie precedenti trasmette quanto già andato in onda nel Regno Unito. Il dato è in rialzo del 22% rispetto a quello (pari a 7,3 milioni) registrato l’anno scorso dopo la premiere della terza serie. E’ la migliore performance per la tv pubblica relativa al debutto sul piccolo schermo di un sceneggiato drammatico.

Gli appassionati della saga della famiglia aristocratica Crawley erano rimasti con il fiato sospeso dopo i tragici eventi con cui si era concluso l’ultimo episodio della precedente serie. La nuova ha ripreso sei mesi dopo quegli eventi.

“Mentre questo dramma attraente continua, la nostra audience ha atteso con impazienza questa nuova stagione per vedere cosa accadrà agli amati personaggi”, ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di Pbs, Paula Kerger. “Sono così felice che milioni di spettatori siano tornati sulle stazioni locali di Pbs per vedere Downton Abbey in ciò che è diventata una tradizione post-vacanze” natalizie, ha continuato.”Sono felice che gli intrighi della famiglia Crawley continuino a sedurre gli spettatori”, ha aggiunto Rebecca Eaton, produttrice esecutiva di Masterpiece, la divisione di Pbs dedicata a programmi ‘capolavori’ tra cui Downton Abbey e Jane Eyre. L’autore Julian Fellowes “ha scritto ogni parola delle quattro stagioni di Downton e gli lancio un bouquet enorme a nome degli americani”, ha concluso. (TMNews, 7 gennaio 2014)

Il cast di Downton Abbey (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi