Oscurati articoli sull’indagine BpSpoleto, Odg e Associazione stampa umbra esprimono preoccupazione

(ANSA) L’Ordine dei giornalisti dell’Umbria, d’intesa con il Consiglio nazionale, e l’Associazione stampa umbra esprimono “grave preoccupazione” per il sequestro preventivo, mediante oscuramento, disposto dal gip di Spoleto, di alcuni articoli (contenenti brani di intercettazioni di vari indagati) della testata online Tuttoggi.info, relativi all’indagine sulla Banca Popolare di Spoleto, verificatosi a ridosso delle feste natalizie. In una nota dell’Odg si spiega che il codice di procedura penale pone un divieto di pubblicazione solo per gli atti coperti da segreto (istruttorio), ossia quelli che pm e polizia giudiziaria compiono nel corso delle indagini preliminari. Segreto che cessa nel momento in cui l’indagato acquisisce il diritto di conoscere quegli atti. In questo caso – sostiene ancora l’Ordine dei giornalisti – gli indagati “hanno avuto da tempo comunicazione ufficiale delle indagini nei loro confronti” essendoci stata la chiusura formale delle indagini preliminari. “C’è la notizia – prosegue la nota – e il dovere di renderla pubblica, di informare i cittadini della realtà dei fatti. Ma pur riconoscendo che non c’erano più le condizioni per il secretamento degli atti, nel provvedimento di sequestro si afferma in pratica una singolare preoccupazione: quella che il giudice potrebbe essere influenzato dalla conoscenza delle carte al di fuori del processo. Un principio che se diventasse norma vedrebbe costretta all’oscuramento, per chissà quanto tempo, gran parte della cronaca giudiziaria del nostro Paese”. (ANSA, 7 gennaio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Assocom stima il mercato adv a +1,9%, con la tv sotto il 50%. Hub Media: urge chiarezza su gare e auditor

Casalino ‘chiude’ il Foglio ed esplode la polemica. Cerasa ironico lancia campagna abbonamenti (codice promo ROCCO)

Svelato il nuovo manifesto del Gp d’Italia di Formula1. Sticchi Damiani (Aci): fusione tra tradizione e innovazione