Time Warner Cable respinge la mega-offerta di fusione con Charter Communications

Time Warner Cable ha respinto l’offerta d’acquisto di Charter Communications, del valore di 61 miliardi di dollari inclusi i debiti. I vertici della società mediatica, guidata da Tom Rutledge, hanno infatti rifiutato all’unanimità l’offerta di Charter Communications perché considerata “fortemente inadeguata”. 

Tom Rutledge, ceo di Time Warner Cable

Tom Rutledge, ceo di Time Warner Cable (foto latimes.com)

Charter Communications – si legge in una nota su Borsainside.com – ha offerto per la fusione con il gruppo rivale $132,50 per azione, di cui $83 in contanti, valutando Time Warner $37,3 miliardi. Includendo i debiti, la transazione avrebbe raggiunto un volume complessivo di oltre $60 miliardi.

Tom Rutledge, ceo di Time Warner, ha detto che il consiglio potrebbe accettare un’offerta di almeno $160 per azione di cui $100 in contanti.

 

Per maggiori dettagli, leggi l’articolo sul Sole 24 Ore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter online il 24 luglio. Rilevato il primo semestre 2018

Iliad, raggiunto un milione di clienti in meno di due mesi. Levi: tempi sorprendenti, rilanciamo l’offerta