Mercato

15 gennaio 2014 | 12:03

Ricerca Intel su salute e hi-tech: ottimismo verso il progresso tecnologico della sanità

Secondo una nuova indagine commissionata da Intel in tema di salute e hi-tech, in Italia e nel mondo
la tecnologia ispira fiducia per l’assistenza sanitaria. La maggioranza dei cittadini – come afferma il comunicato – si dichiara ottimista nei confronti del progresso della sanità portato dall’innovazione tecnologica e si dichiara disponibile ad effettuare visite on line con il proprio medico.

Il ‘Barometro Intel dell’innovazione tecnologica in ambito sanitario’, che ha coinvolto con il supporto dell’istituto di ricerca internazionale Penn Schoen Berland quattro paesi maturi (Italia, Stati Uniti, Giappone e Francia) ed altrettanti emergenti (Brasile, Cina, India e Indonesia), ha evidenziato che la maggior parte delle persone ritiene che la cura per malattie oggi mortali potrà essere trovata più facilmente grazie all’innovazione tecnologica che non aumentando il numero di medici o gli investimenti nella ricerca.

Tra i punti principali della ricerca, è emerso che:
• Oltre l’80% degli intervistati è ottimista nei confronti della sanità in termini di innovazione e
tecnologia. In Italia però la percentuale più bassa: solo il 71%.
• Oltre l’80% è disponibile a condividere informazioni in forma anonima per ridurre i costi
dell’assistenza sanitaria e migliorare le cure.
• Oltre il 70% è ricettivo all’utilizzo di sensori per servizi igienici, sensori per flaconi di medicinali o monitor per la deglutizione.
• Più della metà ritiene che gli ospedali tradizionali diventeranno obsoleti nel futuro.

 

Leggi tutti i dati sul comunicato completo ‘Barometro Intel dell’innovazione tecnologica’.