Expo si accorda con Eutelsat per puntare alla diffusione globale

(AGI) Obiettivo diffusione globale. Per portare Expo al di fuori di Expo, raccontare la manifestazione del 2015 a chi non e’ a Milano e magari invogliarne la venuta, offrire una cassa di risonanza ai contenuti e ai racconti dei singoli Paesi, Expo Spa ha sottoscritto una partenership con Eutelsat Communication che permettera’ alla societa’ di via Rovello un risparmio che si aggira intorno ai 6 milioni di euro.

Eutelsat Communications sara’, quindi, il partner tecnico e fornitore ufficiale esclusivo per i servizi satellitari di Expo Milano, mettendo in campo le proprie tecnologie per sostenere le tre piattaforme principali della manifestazione, vale a dire la Cyber Expo, che permettera’ un tour virtuale dell’evento, l’Ecosistema ICT esterno al sito milanese e il progetto innovativo di Smart City. Ma non solo: Eutelsat accendera’, infatti, anche un canale televisivo dedicato a Expo e trasmesso sulla posizione satellitare Hot Bird: qui troveranno ‘casa’ le notizie, gli aggiornamenti e highlights dei Paesi partecipanti, nonche’ tutti gli eventi chiave del semestre 2015.

Giuseppe Sala, ad di Expo 2015 (foto Olycom)

Molti dei contenuti, inoltre, arriveranno dai Paesi stessi, i cui investimenti per Expo riguardano solo in parte i padiglioni fisici per comprendere, invece, anche i servizi e, appunto, la comunicazione. L’attivita’ del canale iniziera’, secondo esplicita richiesta di Expo Spa, sei mesi prima dell’apertura delle porte del sito: l’idea e’, infatti, quella di anticipare le atmosfere e i temi della manifestazione per cogliere quanti piu’ possibili consumatori individuali e trasformarli in visitatori della manifestazione. (AGI, 15 gennaio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi