New media, TLC

16 gennaio 2014 | 15:00

Datagate: arriva Blackphone, telefonino a prova di spie

(ANSA) La privacy al primo posto per un nuovo smartphone che, secondo qualche blog Usa, promette di essere perfino ”a prova di Nsa”: si chiama Blackphone, è frutto di una joint venture svizzera e sarà svelato al Mobile World Congress di Barcellona. Il dispositivo, spiegano i creatori in un video, è stato concepito per proteggere la privacy degli utenti. Il sistema operativo, PrivatOS, si basa su Android ma aggiunge livelli extra di riservatezza e permette comunicazioni criptate. Blackphone, aggiungono i creatori, è ”il primo smartphone che mette privacy e controllo direttamente nelle mani degli utenti”. Si tratta di un telefonino slegato da qualsiasi operatore di telecomunicazioni o venditore che promette le stesse prestazioni di uno smartphone di ”fascia alta” ma in aggiunta garantisce scambi di dati, dalle telefonate ai messaggi, in ”sicurezza”, senza ”compromettere” la privacy degli utilizzatori. A parte il sistema operativo mutuato da Android e lo schermo touch che si intravede nel video, per ora non si conoscono altre specifiche tecniche. Solo che i preordini partiranno via web il 24 febbraio, in contemporanea col lancio a Barcellona. La joint venture è formata da Silent Circle, agenzia per comunicazioni criptate di Whashington DC, e Geeksphone, giovane compagnia di Madrid specializzata nello sviluppo di soluzioni open source per la telefonia mobile. (ANSA, 16 gennaio 2014)