Amazon: lavoratori Usa bocciano la proposta di creare un sindacato interno

(ANSA) Fallisce il tentativo di alcuni dipendenti Amazon di creare un sindacato all’interno della societa’, che sarebbe stato il primo negli Stati Uniti per Amazon. I lavoratori di un magazzino del Delaware hanno respinto la proposta di creazione del sindacato, con 21 voti contrari e sei favorevoli. La speranza era quella di creare un sindacato interno per favorire politiche migliori per i dipendenti sul fronte di promozioni, vacanze e aumenti. ”Con il voto i nostri dipendenti hanno detto chiaramente che preferiscono un contatto diretto con Amazon. Un contatto diretto e’ la modalita’ piu’ efficace per capire e rispondere quello che i dipendenti vogliono e quali sono le loro necessita”’ afferma un portavoce di Amazon, Mary Osako. ”I dipendenti hanno ricevuto intense pressioni dai manager per sopprimere la spinta a organizzarsi. Continueremo a lavorare con loro – afferma John Carr, portavoce dell’International Association of Machinists and Aerospace Workers, che aiuta i lavoratori a organizzarsi – perche’ godano dei diritti che spettano loro in base alla legge federale”. (ANSA, 16 gennaio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Assocom stima il mercato adv a +1,9%, con la tv sotto il 50%. Hub Media: urge chiarezza su gare e auditor

Casalino ‘chiude’ il Foglio ed esplode la polemica. Cerasa ironico lancia campagna abbonamenti (codice promo ROCCO)

Svelato il nuovo manifesto del Gp d’Italia di Formula1. Sticchi Damiani (Aci): fusione tra tradizione e innovazione