Mercato

20 gennaio 2014 | 11:03

Al via il ciclo dei workshop ‘Giornalisti Nell’Erba. Si fa presto a dire green’

Mentre si attendono i primi elaborati in gara per il Premio Nazionale ed Internazionale di giornalismo ambientale per 5-29enni, è stato avviato, nell’ambito dei Giornalisti Nell’Erba, un progetto innovativo, premiato e sostenuto come Fuoriclasse dalla Regione Lazio, in cui i giovanissimi reporter verranno formati per andare ad interrogare le grandi aziende sui temi della sostenibilità. Il ciclo di 4, forse 5 workshop, dal titolo ‘Si fa presto a dire green’, vedrà infatti impegnati alunni di scuole medie e superiori nonché studenti delle università romane in inchieste giornalistiche a caccia di greenicità vere e presunte.

Con il tutoraggio di giornalisti ambientali e scientifici, esperti e ricercatori, e con la collaborazione di Fima, Federazione Italiana Media Ambientali, nonché con la partnership del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e dell’Università di Tor Vergata (Macroarea di Scienze, dove si svolgono i workshop, e Scienze della Comunicazione), dell’Ansa, di Qual’Energia, Rinnovabili.it, GreenMe e tanti altri, da fine gennaio ad inizio aprile i giovani partecipanti faranno un percorso formativo su vari filoni d’inchiesta in cui grandi aziende come Unilever, Carlsberg, Italia, Novamont, scelte per il loro percorso di sostenibilità, si sono rese disponibili ad essere ‘indagate’.

I workshop si terranno il 30 gennaio, il 13 febbraio, il 20 marzo e il 3 aprile presso l’Aula Magna della Macroarea di Scienze dell’Università di Roma Tor Vergata. Ogni workshop avrà una parte formativa ed una di sperimentazione giornalistica e si concluderà con l’elaborazione di un’inchiesta multimediale. Il laboratorio di sperimentazione del 30 gennaio sarà condotto da tutor Gne e da Ansa Scienza Lab, progetto di lavoro-laboratorio di giornalismo scientifico per ragazzi di Ansa Scienza e Tecnica, propedeutico, tra l’altro, alla collaborazione dei giovani e giovanissimi nella rubrica ‘I tuoi articoli’ del canale.

1) ‘Green sin dall’inizio’ è il titolo del primo workshop, sulla progettazione green a 360° e l’eco-design. Insieme a ricercatori, chimici analitici, architetti, ecodesigners e giornalisti, esame delle componenti che devono essere pensate a monte, prima di poter dire che un prodotto è green. Dalla materia prima al consumatore. (30 gennaio, 9-13.30)

2) ‘Basta produrre una cosa green per essere green?’, è il titolo del workshop sull’esame di prodotti green e del relativo processo produttivo. Non sempre un prodotto realizzato in materiale riciclato, ad esempio, ha dietro di sé un processo ed un’origine, o anche effetti totalmente sostenibili. In collaborazione con Novamont. (13 febbraio, 9-13.30)

3) ‘Come si misura la greenicità’, workshop sui metodi di valutazione e misurazione dell’impatto ambientale delle imprese, anche alla luce della sperimentazione in corso in Italia con il programma nazionale di valutazione ambientale messo in atto dal Ministero dell’Ambiente. In collaborazione con Carlsberg Italia (20 marzo 9-13.30)

4) ‘Può una multinazionale essere green?’ workshop sul nuovo corso green delle multinazionali e sui vari fronti di azione (sostenibilità ambientale e sociale delle materie prime; efficienza e risparmio energetico; emissioni CO2 e altri inquinanti; ciclo rifiuti ecc) che un’azienda deve tener presenti per rispondere ad esigenze di sostenibilità economica e ambientale. In collaborazione con Unilever. (3 aprile, 9-13.30)

Come si evince dai titoli, si tratta di workshop su questioni inerenti alla ‘greenicità’ (termine coniato da Gne per l’occasione) delle imprese e relative problematiche, e si svolgeranno tramite la sperimentazione di tecniche del giornalismo d’inchiesta, in special modo ambientale, utilizzate quale metodo d’indagine e di restituzione efficace dei risultati, metodo applicabile in ogni ambito, anche didattico. I workshop saranno tenuti da docenti scelti nell’ambito delle eccellenze del giornalismo e della comunicazione ambientale nazionale, della ricerca, del mondo della green economy e delle imprese, e porteranno alla realizzazione di 4 inchieste multimediali su 4 temi d’indagine specifici.

Obiettivi del progetto sono la formazione e sensibilizzazione alla tutela ambientale e alla sua comunicazione efficace, lo sviluppo di competenze utili per la costruzione di una mentalità eco sistemica, tramite metologie anche laboratoriali innovative, lo sviluppo di capacità di lettura consapevole, critica ed analitica delle informazioni anche tecnico-scientifiche e di distinzione tra ‘green’ e ‘greenwashing’; maggior e più consapevole utilizzo di una comunicazione ‘ecologica’ con i nuovi linguaggi (società digitale), anche per una qualificazione lavorativa futura; diffusione di conoscenza di base sui cicli produttivi e sulla reale sostenibilità ambientale delle imprese, sulla normativa ambientale. La sperimentazione di metodi, strumenti innovativi applicabili ad ogni contenuto ed in particolare alle tematiche ambientali con docenti e studenti. Il consolidamento della rete delle scuole e dei giovanissimi ‘informatori’ ambientali.

I primi risultati del progetto verranno presentati in occasione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia tra la fine di aprile e i primi di maggio 2014. La conclusione e il report saranno presentati invece in un panel dedicato durante la Giornata Nazionale dei Giornalisti Nell’Erba di fine maggio. I materiali formativi e le inchieste multimediali saranno rese disponibili a tutte le scuole e università nonché singoli e gruppi di Giornalisti Nell’Erba in Italia e all’estero. Hanno già aderito al progetto, e pertanto avranno la priorità in caso di numero di richieste di partecipazione in eccesso, l’Istituto Comprensivo Don Milani di Monte Porzio Catone, l’Istituto Comprensivo di Frascati, il Liceo classico Luciano Manara di Roma, il Liceo Classico Tacito di Roma.

I workshop sono a numero chiuso e su prenotazione. Si può partecipare anche ad uno solo dei workshop. Per prenotarsi a ciascun worlshop, è necessario inviare un’email a info@giornalistinellerba.org