21 gennaio 2014 | 15:40

Google lancia il progetto ‘Made in Italy’ per promuovere le aziende italiane sul web

Si chiama ‘Made in Italy: eccellenze in digitale’ il nuovo progetto lanciato oggi a Roma da Google per avvicinare le imprese italiane alla rete, valorizzare i giovani come promotori della transizione dell’economia al digitale e far conoscere le eccellenze del nostro Paese all’estero attraverso la piattaforma google.it/madeinitaly, realizzata dal Google Cultural Institute insieme al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e a Unioncamere.

Il portale raccoglie un centinaio di mostre digitali fatte di racconti, immagini, video e documenti storici grazie ai quali gli utenti di tutto il mondo possono scoprire le eccellenze del sistema agroalimentare e dell’artigianato italiano, la loro storia e il loro legame con il territorio. Dai prodotti più famosi, quali Parmigiano Reggiano o Grana Padano, Prosciutto di San Daniele o di Parma, o ancora il vetro di Murano, fino a eccellenze meno note quali per esempio la fisarmonica di Vercelli, il merletto di Ascoli Piceno o la carota novella di Ispica.

Carlo D'Asaro Biondo

Carlo D’Asaro Biondo

“La scommessa per il futuro del Made in Italy è quella di aprirsi ulteriormente ai mercati internazionali per diventare così un volano di crescita economica ancora più rilevante per il Paese”, dice Carlo D’Asaro Biondo, presidente Sud e Est Europa, Medio Oriente e Africa di Google. “Google crede che il digitale possa giocare un ruolo importante in questo processo e ha deciso di fornire un contributo concreto per diffondere l’eccellenza italiana nel mondo”.

Secondo l’azienda di Mountain View, le ricerche legate a prodotti del Made in Italy sono cresciute del 12% sul motore di ricerca: la moda è la categoria più cercata, turismo e agroalimentare le categorie che segnano la crescita più significativa. Tuttavia i dati Eurisko Ict 2013 dicono che il Made in Italy è ancora poco presente sul web, con solo il 34% delle pmi che ha un proprio sito internet e solo il 13% che lo utilizza per fare e-commerce.

Per aiutare le imprese, in particolare le piccole e medie, a cogliere i benefici economici derivanti da internet, Google ha sviluppato anche il sito www.eccellenzeindigitale.it, un percorso formativo che offre agli imprenditori idee e riferimenti pratici per utilizzare il web come strumento di business. La piattaforma è realizzata insieme alla Fondazione Symbola e con il coordinamento scientifico del Professor Stefano Micelli dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Oltre a una lezione di Vint Cerf, oggi chief evangelist di Google e uno degli inventori di internet, il sito ospita contenuti che valorizzano le storie di imprenditori artigiani che attraverso la rete hanno saputo proiettare le attività in uno scenario internazionale. Collabora a Eccellenzeindigitale.it anche il Gruppo Editoriale L’Espresso in veste di media partner con La Repubblica.

Insieme a Unioncamere, inoltre, Google mette a disposizione 20 borse di studio per giovani ‘digitalizzatori’ che per 6 mesi affiancheranno aziende piccole e medie in diverse regioni d’Italia. I giovani selezionati, dopo un training formativo, inizieranno il loro percorso di educazione al digitale delle pmi italiane facendo base nelle diverse Camere di Commercio delle aree che partecipano all’iniziativa. Il bando completo e i territori coinvolti saranno resi noti nel corso del mese di febbraio.

Alcune delle mostre virtuali presenti sulla piattaforma google.it/madeinitaly

Alcune delle mostre virtuali presenti sulla piattaforma google.it/madeinitaly

- Il comunicato stampa completo sul progetto ’Made in Italy: eccellenze in digitale’ (.docx)

- Le informazioni sulla piattaforma google.it/madeinitaly (.docx)

- Internet economy e Made in Italy (.docx)

Il percorso formativo Eccellenzeindigitale.it (.docx)