Audiweb: al via la total digital audience. E più trasparenza sulle aggregazioni

Ci sarà più trasparenza nei dati sull’audience online dei siti degli editori. È il risultato della decisione presa il 21 gennaio dal consiglio di amministrazione di Audiweb, che ha approvato il nuovo regolamento sull’aggregazione delle audience online.
Quello delle aggregazioni è un tema controverso, molto discusso negli scorsi mesi. Aggregando sotto una unica voce le audience provenienti da siti esterni (che a volte hanno poco a che fare con i contenuti della testata), si generavano infatti equivoci e fraintendimenti. Certi brand risultavano in crescita non perché fossero effettivamente aumentati i visitatori del sito, ma perché venivano conteggiati nel totale anche le visite ai siti esterni aggregati.

Il nuovo regolamento approvato da Audiweb punta a risolvere la questione garantendo una maggiore trasparenza nella rappresentazione delle componenti di audience di ogni editore. In pratica saranno nettamente distinte le audience ‘organiche’ da quelle ‘aggregate o non organiche’ derivanti da accordi editoriali di cessione traffico (in gergo Tal, ovvero Traffic Assignment Letter). Il catalogo di Audiweb e le regole di composizione dei brand e dei channel saranno riorganizzate di conseguenza.
Da un punto di vista organizzativo, Audiweb gestirà direttamente la documentazione sulle aggregazioni e sulle cessioni del traffico (Tal) degli editori presenti nell’Audiweb Database.

Enrico Gasperini, presidente di Audiweb

Audiweb conferma inoltre che i primi dati della total digital audience (relative cioè agli accessi da pc, smartphone e tablet) saranno disponibili a partire dai dati di gennaio 2014. Questi dati saranno integrati nei sistemi di reporting mensile (Audiweb View) e nel planning database (Audiweb Database).
Come per i pc, anche per smartphone e tablet saranno forniti i dati elementari di navigazione e di utilizzo delle applicazioni e i profili socio demografici degli utenti online dai 18 anni in su, con un dettaglio per giorni della settimana e fasce orarie di 3 ore, proponendo le metriche consuete: utenti unici, reach, sessioni e tempo speso. Attraverso il database di Audiweb sarà quindi possibile pianificare le campagne conoscendo quanta parte dell’audience attribuire alla navigazione solo da pc, solo da smartphone e solo da tablet, oppure quanta alla sovrapposizione pc-smartphone, pc-tablet e pc-smartphone-tablet.
Il consiglio di Audiweb ha proceduto infine alla nomina di Filippo Davanzo come nuovo coordinatore del Comitato Tecnico, su proposta di Fedoweb

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Giulietti (Fnsi): scandaloso lo stop alla legge sulle querele bavaglio

Facebook sigla un accordo con Ice per i diritti dei brani musicali condivisi sul social

Stretta di Twitter sui profili fake, bot e spam