Il Forum del Terzo Settore in Commissione di Vigilanza Rai per il nuovo Contratto di Servizio

(ASCA) Il Forum nazionale del Terzo Settore e’ stato ricevuto ieri in audizione dalla Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai sul nuovo Contratto di Servizio Rai 2013-2015, portando all’attenzione della Commissione alcuni punti critici contenuti nel contratto.

”Il Forum – dichiara il Portavoce Pietro Barbieri – crede nella centralita’ del servizio pubblico radiotelevisivo Rai in quanto garanzia di accesso e diritto costituzionale per tutti i cittadini. In virtu’ di questo riteniamo che il servizio pubblico possa definirsi tale se racconta la realta’ del nostro Paese, se e’ capace di interpretare l’azione di coesione e inclusivita’ che i cittadini attivi e partecipi garantiscono quotidianamente, se e’ pluralistico, autonomo, libero e vicino alla vita quotidiana di tutte le persone. Crediamo in questo senso – prosegue il Portavoce – di poter offrire un contributo concreto alla discussione, in vista di un accrescimento delle capacita’ della Rai di saper comunicare anche i temi che riguardano il nostro mondo, a patto pero’ che vengano garantiti gli spazi adeguati e stabili di confronto con le associazioni, il terzo settore e la societa’ civile, che vengono rispettati i meccanismi che regolano l’accesso, che venga tenuto in particolare conto l’utilizzo di un linguaggio corretto ed appropriato, che venga rafforzato il ruolo del Segretariato Sociale – o ricostituito un apposito Osservatorio – , che siano assicurati spazi autonomi di palinsesto – nella programmazione tradizionalista, e tramite un canale digitale tematico dedicato ”. (ASCA, 24 gennaio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi