Falsità sull’incontro Fazio-Berlusconi, ritirato il libro di Luigi Reggi

(ANSA) E’ finita con l’accordo per il ritiro dal commercio delle copie di ‘Io e Silvio. L’uomo dal sole in tasca’ la diatriba che ha visto contrapporre Fabio Fazio all’autore del libro Luigi Reggi che narrava un episodio di cui Fazio contestava la veridicità. Ne danno notizia gli avvocati delle parti, Carlo Rimini e Luciano Daffarra. Nel libro l’ex dirigente Mediaset descriveva un incontro tra lo stesso Fazio, fresco di maturità, con Silvio Berlusconi per chiedere, secondo l’autore, ”un ruolo da conduttore in prima serata su Canale 5”, accompagnato da due persone. ”Tutto falso, anche molto divertente ma falso. Querelerò”’, aveva annunciato Fazio su twitter dopo le prime anticipazioni sul libro, rilanciate anche da alcuni quotidiani. ”Querelerò Reggi – aveva scritto sempre Fazio su twitter”, spiegando già sul social network che ”l’appuntamento con Berlu me lo prese Enrico Vaime per farmi fare Risatissima. Ma rimasi in Rai”. Mentre Reggi raccontava che ”si era presentato con due lugubri signori vestiti di blu, silenziosi e inquietanti. Uno dei due, forte di avere alle spalle il solito politico che allora incombeva su tutte le tv”. Accuse alle quali Fazio aveva risposto con una battuta su twitter: ”Per scrivere un libro di memorie ci vogliono due requisiti: cose memorabili da raccontare e soprattutto…memoria”. All’incontro ci andò invece ”con Felice, mio amico ed autore di Savona nonché prof. (ripetizioni di greco). Con la ritmo color senape. Altro che lugubri signori!”. (ANSA, 24 gennaio 2014)

Fabio Fazio (foto Olycom)

Fabio Fazio (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi