Italiani ed e-commerce: ogni scusa è buona per fare acquisti

(TMNews) – Per comprare online ogni scusa è buona. Il rapporto fra italiani ed e-commerce è sempre più solido, lo testimoniano non solo i numeri ma anche ricerche come quella di vente-privee.com, leader mondiale nel settore delle vendite evento online. Chi compra sul Web, soprattutto se donna, fa di tutto per giustificare i propri acquisti: “me lo meritavo” e un classico come “non ho niente da mettermi” sono fra le scuse più gettonate, e dimostrano quanto l’acquisto online sia diventato un’abitudine.

“E’ un buon momento – ha spiegato – Andreas Schmeidler, Country manager Vente Privée Italia – il settore cresce a livello del 20% ogni anno, noi cresciamo ancora di più e l’e-commerce è riconosciuto come un vero e proprio canale distributivo”. Merito anche dell’esplosione del mobile, con gli acquisti via tablet o smartphone che hanno un’importanza sempre maggiore.

In tutto questo, come emerge anche dalla ricerca, il compratore italiano si distingue dagli europei non solo per la tendenza ad aggiungere un tocco personale senza seguire le mode negli acquisti, ma anche per la volontà di spendere di più e meglio del resto d’Europa. “Rispetto ad altri mercati l’italiano è leggermente più razionale rispetto agli europei – ha sottolineato Schmeidler – che fanno dell’impulso un vero e proprio stile di acquisto”.

In futuro gli scenari che si aprono sono molteplici, ad esempio secondo il Country manager Vente Privée Italia gli shop online potrebbero essere sempre più fonte non solo di fatturato ma anche di un “rapporto diretto con i loro interlocutori, anche noi saremo più che un sito di vendita un vero e proprio portale”.

4 febbraio 2014

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi-Usigrai-Odg: basta lottizzazione. Serve legge che liberi la Rai dai partiti

Upa e Nielsen mettono online lo storico degli investimenti adv in Italia dal 1962 a oggi

Crédit Agricole tifa Inter. Maioli a Spalletti: sponsorizziamo la Francia e vince i Mondiali, ora tocca a lei…